Guerra in Ucraina, oggi in piazza Chanoux il presidio per la pace di Unione Popolare

Oggi, in piazza Chanoux, si è svolto un presidio per la Pace, tenuto dai militanti di Unione Popolare, per protestare contro la guerra in Ucraina e per chiedere all'Italia di agire effettivamente per arrivare al termine del conflitto.
presidio per la pace ucraina
Politica

È ormai un anno che la guerra va avanti, portando con sé decine di città distrutte, migliaia di morti, centinaia di migliaia di profughi, inflazione ai massimi livelli in Europa. Queste sono solo alcune delle problematiche alle quali il mondo si trova a far fronte in questo periodo difficile, ed è proprio per questo che nella giornata di oggi, 24 febbraio, si è svolto un presidio della pace in piazza Chanoux, per sensibilizzare l’opinione pubblica e per chiedere allo Stato italiano di agire in modo effettivo per arrivare al termine di questo conflitto.

A partecipare alla manifestazione una decina di militanti di Unione Popolare che hanno messo in atto un “presidio-itinerante“, partendo dalla piazza e spostandosi per il resto di Aosta, distribuendo volantini al pubblico. Tra i presenti, però, non c’era nessun ucraino, ma non è di certo mancato l’appoggio nei confronti dei rifugiati, ai quali è stato augurato di poter tornare al più presto alla normalità e alla quotidianità.

Francesco Rappazzo, uno dei manifestanti, ha sottolineato la scelleratezza del conflitto, come tutte le guerre, che portano solo a sofferenza e distruzione. Oltre a ciò, ha anche evidenziato il ruolo dell’Italia in questa situazione: “L’Italia, come definiti dall’articolo 11 della nostra Costituzione, non solo deve essere contraria alla guerra, ma deve anche ripudiarla attivamente. E questo significa anche non riconoscere come normale questa maniera di relazionarsi tra le nazioni.”

Questa manifestazione, oggi solo a livello regionale, verrà riproposta domani, 25 febbraio, a livello nazionale a Genova, con un’altra mobilitazione pacifista organizzata dai portuali di Genova.

Una risposta

  1. Ma cosa vuole dire no guerra? Slogan senza alcun senso.

    I partigiani valdostani e i molti martiri del fascismo si rivoltano nelle tombe.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito è protetto da reCAPTCHA e da Googlepolitica sulla riservatezza ETermini di servizio fare domanda a.

Il periodo di verifica reCAPTCHA è scaduto. Ricaricare la pagina.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte