Politica

Ultima modifica: 26 Marzo 2019 12:28

L’Agenzia delle Entrate chiede tre milioni di euro al Forte di Bard

Aosta - Le due cartelle relative ad accertamenti sugli anni 2015 e 2016 sono arrivate ai vertici del polo museale il 25 febbraio scorso e hanno avuto come conseguenza le dimissioni del Presidente Sergio Enrico.

Napoleonica 2017 al Forte di Bard - Foto Massimiliano Riccio

Un po’ meno di tre milioni di euro. E’ quanto l’Agenzia delle Entrate contesta di imposte non pagate al Forte di Bard. Le due cartelle relative ad accertamenti sugli anni 2015 e 2016 sono arrivate ai vertici del polo museale il 25 febbraio scorso e hanno avuto come conseguenza le dimissioni del Presidente Sergio Enrico.
“E’ sicuramente la motivazione principale delle mie dimissioni – racconta il Presidente, oggi al suo ultimo giorno di incarico – Non voglio rischiare personalmente per delle cose che riguardano un periodo nel quale non c’ero, ma che derivano da strategie del passato”.

Le contestazioni riguardano in particolare il contributo che ogni anno la Regione versa all’Associazione Forte di Bard, che in quanto ente del terzo settore gode di agevolazioni fiscali. Secondo l’Agenzia delle Entrate – che ha compiuto accertamenti dal febbraio fino al giugno del 2018 –  il Forte di Bard non poteva più accedere a queste agevolazioni perché l’attività commerciale (ad esempio la vendita dei biglietti) aveva superato i finanziamenti pubblici.

Se nel 2012 il contributo della Regione al Forte ammontava a 4,5 milioni di euro, nel 2018 è stato di 1,8 milioni di euro. “Nel tempo in senso generale, il Forte è diventato sempre più autonomo. – racconta Enrico – Questa indipendenza ci allontana dal concetto di associazione”.
Tra imposte non pagate e sanzioni le due cartelle ammontano a circa 2,8 milioni di euro. 

Il Forte di Bard ora può decidere di fare ricorso, oppure di pagare quanto richiesto o ancora scegliere l’accertamento in adesione.
“Ieri abbiamo fatto il comitato di indirizzo e abbiamo convenuto che il problema, che è del passato ma riguarda anche una scelta del presente e del futuro, va risolto dall’Assemblea dei soci.”

Nel frattempo la Regione si è mossa per trovare un nuovo Presidente. Il bando, pubblicato nei giorni scorsi, scadrà il 21 marzo. L’incarico non prevede alcuna indennità, ma a questo punto verrebbe da dire solo grane.

2 commenti su “L’Agenzia delle Entrate chiede tre milioni di euro al Forte di Bard”

  • Meno male che Cuomo all’indomani delle dimissioni di Enrico affermava compiaciuto che con lui i conti del Forte andavano bene.
    Lo abbiam visto, ora il Forte deve 3 milioni al fisco grazie alla sua gestione allegra.

    Cuomo che era arrivato a gestire il Tor di Rollandin su richiesta di quest’ultimo.

    Banana Region.

    • Intendevi dire Accornero, ovviamente. Notare bene che Enrico non rilasciava dichiarazioni per spiegare le sue dimissioni, quindi all’indomani delle dimissioni abbiamo dovuto sorbirci un’intervista radiofonica ad Accornero in cui il fantoccio vantava i pregi della sua gestione. In fin dei conti non tutti i sorci abbandonano il carro dell’ex vincitore quando sta affondando. Giornalismo di altissimo livello…

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>