L’Uvp: “Noi non siamo disponibili a grandi inciuci”

Laurent Viérin: "Da oggi l'UVP, che non è "sul mercato", si pone in Consiglio Valle a servizio della comunità valdostana ma chiaramente come alternativa a questo sistema".
Laurent Viérin
Politica

"Da oggi l’UVP, che non è "sul mercato", si pone in Consiglio Valle a servizio della comunità valdostana ma chiaramente come alternativa a questo sistema, in opposizione e non disponibile a grandi inciuci, con una opposizione responsabile ma severa". Cosi Laurent Viérin, primo eletto fra le file dei progressisti, risponde a chi a poche ore del voto parla di governo di larghe intese.

L’ex Assessore regionale alla Cultura esamina poi il voto di domenica. "Consenso all’UVP, voti consapevoli e un successo arrivato attraverso idee concrete, un progetto chiaro di rilancio della Valle e di cambiamento dei modi di gestire ed interpretare la politica in Valle d’Aosta. Consenso meritato e non ottenuto con promesse, ricatti, minacce e posti di lavoro, millantati o elargiti soprattutto in periodo elettorale, da un sistema che ha il solo obiettivo di mantenere il potere. "

E sull’attuale governo, Viérin parla di "maggioranza che esce con le ossa rotte da questo appuntamento elettorale, con la scomparsa del PDL e della Fédération Autonomiste dal Consiglio Valle, il crollo dell’UV-mista componente socialista di Milanesio e corrente neo fascista di Borluzzi – Patrizia Diémoz, che elegge 12 consiglieri (11 + 1 con i resti) più La Torre, vero ago della bilancia di questa maggioranza di 18 contro 17, e la Stella Alpina che cresce di soli 500 voti, portati dalla Lega Nord e che si aggiudica un seggio in più solo con i resti. Una maggioranza che si dice autonomista ma che non è che un mélange di queste componenti, e che ora dovrà gestire le promesse puramente elettorali, gli spot e gli slogans, ma, peggio ancora, la tragica situazione in cui questa gestione ha posto la Valle d’Aosta in questi ultimi tempi."

 

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Politica
Politica
Politica

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte