Politica di Silvia Savoye |

Ultima modifica: 7 Aprile 2021 15:51

Consiglio Valle approva congelamento delle rate dei mutui agevolati

Aosta - Respinti due ordini del giorno della Lega VdA e di Pour l'Autonomie. Il primo era volto ad impegnare il Governo regionale a un ulteriore intervento di sostegno alle attività ad oggi ancora operative ma classificate dalla finanziaria regionale come "crediti deteriorati" e che non risultano beneficiarie del disegno di legge in discussione.

La sede di Finaosta

Stop al pagamento delle rate dei mutui agevolati per famiglie, lavoratori e imprese, stipulati con Finaosta o con le banche convenzionate in scadenza tra il 1° maggio 2021 ed il 31 ottobre 2022. Il Consiglio regionale ha approvato all’unanimità  oggi, mercoledì 7 aprile, il disegno di legge, varato dalla Giunta regionale nelle scorse settimane.

“Lo scorso anno si era sospesa la restituzione della quota capitale dei mutui agevolati contratti con la Finaosta o con le banche convenzionate, posticipando di 12 mesi il pagamento delle scadenze mutui comprese tra maggio 2020 e aprile 2021.  – ha ricordato in aula il relatore del Dl Roberto Rosaire. “Allo scadere di questa sospensione e alla luce della grave crisi sanitaria ed economica, si è ritenuto utile, doveroso e improcrastinabile posticipare di ulteriori 18 mesi (maggio 2021 – ottobre 2022) il versamento delle rate.”

Rispetto al provvedimento del 2020, viene introdotta la possibilità di sospensione di mutuo anche per le aziende che si sono costituite dopo il 2019 . Inoltre è stata prevista la possibilità di allungare di ulteriori cinque anni la durata del piano di ammortamento del debito contratto.

Non rientrano, invece, nella disciplina per motivi legati alle norme europee in materia di aiuti di Stato, i soggetti o le aziende le cui posizioni debitorie risultino di credito deteriorato dal 29 febbraio 2020.

Il disegno di legge, come si legge nella relazione, non comporta oneri diretti a carico del bilancio regionale, ma inciderà su Finaosta che dovrà effettuare “ulteriori rettifiche di valore sui crediti per importi stimabili tra i 12 e i 14 milioni di euro, con conseguente deterioramento della redditività dell’intermediario che porterebbe ad una perdita di esercizio 2021 compresa tra i 7 e i 9 milioni di euro, con riduzione delle riserve di patrimonio, al 31 dicembre 2020, pari ad euro 115 milioni di euro, senza comunque pregiudicare la capacità di erogare nuovi crediti”.

Il mancato rientro sui fondi di rotazione, in caso di adesione totalitaria sugli 8.680 mutui, è quantificato, con riferimento alla sospensione della sola quota capitale, in 25.000.000 euro, per l’anno 2021, e in 41.800.000 euro, per l’anno 2022, senza valutazione della presenza dei requisiti di accesso.

CRITICHE DALLA LEGA: SERVE MISURA PER RINEGOZIARE DEBITO

La Lega Valle d’Aosta, che aveva definito nei giorni scorsi la misura insufficiente, ha presentato due ordini del giorno, entrambi respinti. Il primo era volto ad impegnare il Governo regionale a un ulteriore intervento di sostegno alle attività ad oggi ancora operative ma classificate dalla finanziaria regionale come “crediti deteriorati” e che non risultano beneficiarie del disegno di legge in discussione. Il secondo, invece, chiedeva un indennizzo di una quota significativa dei costi fissi sostenuti dalle attività produttive, in particolare del settore turistico alberghiero, nel periodo di riferimento del lockdown che ha impedito l’avvio della stagione invernale, considerando tra questi anche le quote di interessi relative ai mutui regionali.

Respinto anche un altro ordine del giorno di Pour l’Autonomie, volto a aprire un confronto immediato con le associazioni di categoria e Finaosta per inserire nell’assestamento di bilancio le misure necessarie al loro sostegno, oltre che a farsi carico di parte della quota interesse in oggi totalmente in capo alle imprese e famiglie. La maggioranza ha spiegato in aula di aver già condiviso in Commissione un impegno in tal senso, alla luce degli approfondimenti in corso.

Via libera a legge Omnibus, rinviato Dl Uffici stampa

Sempre oggi il Consiglio regionale ha approvato il disegno di legge di legge di manutenzione dell’ordinamento regionale per il 2021, che nei suoi 26 articoli prevede modificazioni, integrazioni, proroghe di termini o abrogazioni puntuali della legislazione regionale vigente.

Rinviato invece alla prossima adunanza la discussione sul disegno di legge che contiene disposizioni in materia di uffici stampa e di personale regionale.

Iscriviti alla nostra newsletter

* indicates required

Non daremo mai i tuoi dati a terzi e ti promettiamo che non ti disturberemo inutilmente e che non ti faremo mai perdere tempo.


Puoi cancellarti in ogni momento da questa lista, cliccando nel link che trovi al fondo di ogni mail che ti inviamo. Per avere tutte le informazioni a proposito della nostra "policy" in termini di privacy, puoi andare sul nostro sito www.aostasera.it

Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing: significa che è lo strumento con cui ti mandiamo le mail. Cliccando qui sotto su "Mi iscrivo", confermi di essere al corrente del fatto che gestiremo le informazioni che ci hai lasciato qui attraverso Mailchimp. Se voi scoprire di più sulla Privacy Policy di Mailchimp, clicca qui

Commenta questo articolo