“Pastoret oggi flirta con PD, nel 2010 votò l’accordo con il PDL”

Non sono andati giù a Laurent Viérin gli "approcci" dell'Union Valdôtaine nei confronti del Partito Democratico che ieri ha incontrato una delegazione della maggioranza presso la propria sede aostana.
Laurent Viérin - Union valdotaine Progressiste
Politica

"Fa sorridere la posizione del Presidente UV, Ennio Pastoret, che si scopre, in queste ore, grande sostenitore del PD, per l’inizio di un “nuovo percorso” politico, che evidentemente oggi fa gola per recuperare i numeri perduti e mantenere a tutti i costi il potere". Non sono andati giù a Laurent Viérin gli "approcci" dell’Union Valdôtaine nei confronti del Partito Democratico, che ieri ha incontrato una delegazione della maggioranza presso la propria sede aostana.

"Il PD, Renzi, e un centro sinistra che ora piacciono tanto a Pastoret & C. – scrive Viérin in una nota – decisamente di più di quando, nel 2010, in tanti alzarono la mano, Pastoret compreso, per votare a favore dell’illuminato accordo con il PDL, che avrebbe dovuto coprire la Valle d’Aosta d’oro, e i cui risultati sono invece oggi sotto gli occhi di tutti. Accordo scellerato che portò l’UV a destra, segnando l’inizio del nostro allontanamento dalla linea del Movimento, che vide poi la nascita dell’UVP".

Secondo Viérin si tratterebbe di una "repentina inversione di marcia che ha dell’incredibile e che per certi versi fa tenerezza, soprattutto se si pensa ai violenti attacchi di questi mesi nei confronti del progetto delle forze di opposizione. Siamo alla politica della disperazione e dell’essere pronti a qualsiasi azione pur di non perdere il potere e le poltrone, evidentemente unico modo, per loro, per mantenere consenso. Un vecchio modo di fare politica, nel dire tutto ed il contrario di tutto a distanza di poco tempo pur di stare a galla, che predilige la scaltrezza piuttosto che la coerenza, e che distingue, in questi passaggi, leoni da cama-leoni".

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Politica
Politica

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte