Aosta Pride, il Comune tira dritto: “Revocare il patrocinio? Non se ne parla”

L'assessora Forcellati replica alla Lega, che ha intimato al Comune di revocare il patrocinio al Pride riservandosi "di segnalare eventuali danni erariali". La risposta è secca: “Non abbiamo intenzione di tirarci indietro". E pizzica il Carroccio: "Strano che a due giorni dalle Elezioni, in maniera forse un po’ strumentale, arrivi questa richiesta".
Pride generica
Politica

L’Aosta Pride si farà. E si farà alle condizioni e con le decisioni già prese, esattamente come programmato finora. Se la Lega Vallée d’Aoste batte il colpo e diffida il Comune chiedendo di revocare il patrocinio alla manifestazione, da piazza Chanoux arriva la risposta secca. E la risposta è no”.

Non abbiamo intenzione di tirarci indietro rispetto a quanto fatto – spiega l’assessora alle Politiche sociali Clotilde Forcellati –, né sul patrocinio, né sulle attività previste, né sul contributo economico. Patrocinio che, come noi, ha concesso anche l’Università della Valle d’Aosta, tanti comuni e lo stesso Celva”.

La questione, in realtà, era già stata sollevata dal “Carroccio” in Consiglio comunale a fine luglio. Con tanto di scintille – sullo stesso regolamento del patrocinio, tra le altre – proprio tra Forcellati e la leghista Sylvie Spirli.

Ora si aggiunge la questione “diffida” e lo studio giuridico di cui parla la Lega, con l’annuncio di una possibile segnalazione nei confronti del Comune per eventuali danni erariali. Anche qui, l’assessora non arretra: “Abbiamo già risposto in aula – spiega –. È chiaro che in quella sede la nostra risposta è stata una scelta politica. Ma per dare quella risposta abbiamo fatto tutti gli approfondimenti del caso sul regolamento dei patrocini e sull’iter delle delibere. Vista la situazione, ora risponderemo in maniera tecnica, visto che la risposta politica è quella già data”.

Con una “pizzicata” nei confronti della Lega: “Certo, sembra un po’ strano che a due giorni dalle Elezioni, in maniera forse un po’ strumentale, arrivi questa richiesta – chiude Forcellati –. Naturalmente, nel merito, risponderemo coinvolgendo i nostri Uffici legali. Ma di revocare il patrocinio non se ne parla proprio”.

Pride, la Lega Vda diffida il Comune di Aosta sul patrocinio

Il Comune revochi il patrocinio al Pride, in programma l’8 ottobre. La richiesta arriva con una diffida al comune di Aosta dalla Lega Vda. L’invito al ritiro in autotutela del patrocinio del Comune alla manifestazione definita “Aosta Pride”, spiega il movimento, “si basa su un approfondito studio giuridico ed amministrativo concernente le disposizioni che disciplinano la concessione del patrocinio, nelle quali si evidenzia come una manifestazione con evidenti fini politici di propaganda e di finanziamento della propria struttura non possa assolutamente rientrare fra quelle supportabili dall’Amministrazione”. Tesi che, secondo la Lega Vda, sarebbe suffragata dal fatto che “gli organizzatori, hanno dovuto spostare la data dell’evento poiché coincidente con il silenzio elettorale e quindi non realizzabile”.

Il Carroccio evidenzia come “in un periodo nel quale le famiglie faticano ad arrivare alla fine del mese e le imprese chiudono i battenti, il Comune di Aosta non si faccia scrupoli nel finanziare con 10.000 euro un evento con evidenti finalità politiche, al punto da avere un vero e proprio “manifesto politico”, invece di pensare al bene delle famiglie ed allo sviluppo del territorio”.

Se non arriverà la revoca del patrocinio, il Carroccio annuncia di voler valutare un’azione “nelle competenti sedi e di segnalare eventuali danni erariali“.

7 risposte

  1. Iniziano a comandare già prima del 26, poi qualcuno non vuole votare, lasciamo andare solo chi li sostiene?

  2. E questi sarebbero i famosi leghisti che vorrebbero governare “democraticamente” l’Italia, e che però non amano lasciare la libertà di manifestare le libere idee altrui?
    Il 25 settembre è sempre più vicino…andiamo a votare… e facciamo un doveroso “pernacchio in faccia” a chi vuole togliere la libertà di manifestare le proprie idee…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Politica
Politica
Politica

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte