Il Tar ha respinto il ricorso della Lega sul patrocinio del Comune all’Aosta Pride

Lega che puntava il dito sulla natura politica della manifestazione, contestando il patrocinio dell’Amministrazione aostana, con tanto di finanziamento di 10mila euro. Il Tar ritiene invece "che il Comune abbia correttamente utilizzato lo strumento della concessione del patrocinio all’iniziativa culturale" da Arcigay VdA.
aosta pride @luca maledet
Politica

Il Tribunale amministrativo della Valle d’Aosta ha dichiarato estinto il ricorso proposto dalla consigliera comunale del capoluogo, in quota Lega Vallée d’Aoste Sylvie Spirli e rigettato quello di Paolo Sammaritani, consigliere regionale e legale rappresentante del Carroccio, sul patrocinio del Comune all’Aosta Pride dello scorso ottobre.

Lega che puntava il dito sulla natura politica della manifestazione, contestando il patrocinio dell’Amministrazione aostana, che aveva anche contribuito con 10mila euro alla settimana di eventi, sfociati poi nella parata per le vie della città dell’8 ottobre. Eventi di carattere politico cui è espressamente vietato dal Regolamento comunale il patrocinio, e che già avevano “scaldato” l’atmosfera in Consiglio comunale.

“Il Comune ha manifestato il proprio apprezzamento per una iniziativa di sicuro interesse generale, che non consiste soltanto nello svolgimento della parata finale ma si concretizza in una serie di eventi musicali, artistici, cinematografici e teatrali nonché in una serie di conferenze volte a promuovere la cultura dell’inclusione sociale ed a sensibilizzare la comunità locale sui temi della lotta alle discriminazioni – basate sull’orientamento sessuale, sull’identità e sull’espressione di genere degli individui – e del riconoscimento dei diritti fondamentali di tutti gli individui, al fine di garantire loro il pieno sviluppo della personalità”. Si legge nella sentenza del Tar.

Non solo: “L’iniziativa Aosta Pride 2022 – è stato scritto ancora nel dispositivo – deve perciò essere qualificata come attività di inclusione sociale e di promozione culturale del rifiuto di ogni discriminazione, per cui il patrocinio comunale, alla stessa concesso, si rivela coerente con i requisiti” definiti nel regolamento comunale.

“Le circostanze fattuali addotte dalla parte ricorrente – prosegue la sentenza – non possono essere considerate indiziarie della natura politica dell’iniziativa promossa dall’Associazione: la qualificazione di un manifesto di intenti come ‘politico’ e l’adesione ad esso di partiti e di movimenti politici non sono infatti elementi idonei a trasformare un’attività di promozione di ‘politiche’ sociali inclusive e non discriminatorie in attività politica in senso proprio, che è quella attraverso la quale i singoli ed i gruppi concorrono a determinare il funzionamento delle istituzioni democratiche”.

“Il Collegio ritiene dunque che il Comune abbia correttamente utilizzato lo strumento della concessione del patrocinio all’iniziativa culturale promossa dall’Associazione, il quale – in sinergia con gli altri strumenti, quali l’accordo di collaborazione ed il riconoscimento di una compartecipazione economica ai costi di organizzazione dell’iniziativa – si rivela astrattamente idoneo a perseguire le politiche locali di inclusione sociale, di solidarietà e di non discriminazione, avvalendosi dell’attività degli enti del Terzo Settore”.

Per questo, il Collegio, “dato atto della rinuncia al ricorso della ricorrente Sylvie Spirli, deve dichiarare l’estinzione del ricorso, dalla stessa proposto”, mentre “deve altresì dichiarare infondato il ricorso proposto dal ricorrente Paolo Sammaritani”.

Il ricorso era stato depositato da Sammaritani assieme all’avvocato Massimo Balì. L’Amministrazione comunale di Aosta era invece assistito dai legali Gianni Maria Saracco, Lorenzo Sommo e Fabrizio Colasurdo. Anche Arcigay Valle d’Aosta, assistita da Valeria Fadda e Alessio Ansermin, si era costituita in giudizio.

Le reazioni politiche

Arcigay Queer VdA: “Sentenza cristallina”

“Con una sentenza cristallina, che entra a pieno nel merito delle contestazioni, smontandole una ad una, il Tar della Valle d’Aosta ha messo un punto al goffo tentativo della Lega Valle d’Aosta di delegittimare Aosta Pride e Arcigay Valle d’Aosta Queer Vda”, scrive, in serata, l’Associazione in una nota.

“Siamo molto soddisfatti della sentenza del Tar – dichiara il presidente Giulio Gasperini – perché seppur non ce ne dovrebbe essere bisogno, viene riconosciuto il ruolo delle associazioni che, come scritto negli atti, concorrono a determinare il funzionamento delle Istituzioni democratiche. Arcigay Valle d’Aosta Queer Vda assieme a tutto il Comitato Aosta Pride, lavora quotidianamente secondo i propri fini statutari e secondo la volontà di costruire una società che rifletta concretamente l’articolo 3 della nostra Costituzione“.

Reazioni che arrivano anche da Arcigay nazionale, per bocca della presidente Natascia Maesi: “La brutta figura della Lega, la cui denuncia di un vizio nella concessione del patrocinio all’Aosta Pride è stata clamorosamente smentita dai giudici, è però emblematica: c’è un impegno martellante, una vera e propria ossessione delle forze politiche che compongono la maggioranza di questo Governo per ostacolare le vite e le pratiche della comunità LGBTQIA+. I Pride stanno portando migliaia e migliaia di persone nelle strade e sono la voce di una parte consistente del nostro Paese, anziché ascoltarla il Governo cerca di silenziarla, e quando non possono censurarla direttamente, allora ostacolano, ostruiscono, impediscono. È una pratica di oppressione che questo Paese purtroppo ha già conosciuto, un incubo che torna dal passato e che con forza denunciamo e combattiamo”.

Partito democratico Valle d’Aosta: “La fine di una triste pagina”

Commentando la sentenza, il Pd VdA, in una nota, spiega: “Parole importanti, che non lasciano dubbi. Le battaglie per i diritti di tutte e tutti non si fermano e continueranno fino a che la nostra società non smetterà di discriminare. Il Partito democratico della Valle d’Aosta, insieme a tutta la maggioranza, si impegna quotidianamente attraverso l’assessora alle Pari Opportunità, Clotilde Forcellati, a fare tutto ciò che è possibile per far sì che la lotta alle discriminazioni non si arresti“.

E aggiunge: “Quella di oggi è una bella notizia che segna la fine di una triste pagina della Valle d’Aosta, che ha visto una Lega pronta a nascondersi dietro un ricorso, ma apertamente contro i diritti“.

Aosta Pride, il Comune tira dritto: “Revocare il patrocinio? Non se ne parla”

22 Settembre 2022

L’aula del Consiglio comunale di Aosta

L’Aosta Pride si farà. E si farà alle condizioni e con le decisioni già prese, esattamente come programmato finora. Se la Lega Vallée d’Aoste batte il colpo e diffida il Comune chiedendo di revocare il patrocinio alla manifestazione, da piazza Chanoux arriva la risposta secca. E la risposta è no”.

Non abbiamo intenzione di tirarci indietro rispetto a quanto fatto – spiega l’assessora alle Politiche sociali Clotilde Forcellati –, né sul patrocinio, né sulle attività previste, né sul contributo economico. Patrocinio che, come noi, ha concesso anche l’Università della Valle d’Aosta, tanti comuni e lo stesso Celva”.

La questione, in realtà, era già stata sollevata dal “Carroccio” in Consiglio comunale a fine luglio. Con tanto di scintille – sullo stesso regolamento del patrocinio, tra le altre – proprio tra Forcellati e la leghista Sylvie Spirli.

Ora si aggiunge la questione “diffida” e lo studio giuridico di cui parla la Lega, con l’annuncio di una possibile segnalazione nei confronti del Comune per eventuali danni erariali. Anche qui, l’assessora non arretra: “Abbiamo già risposto in aula – spiega –. È chiaro che in quella sede la nostra risposta è stata una scelta politica. Ma per dare quella risposta abbiamo fatto tutti gli approfondimenti del caso sul regolamento dei patrocini e sull’iter delle delibere. Vista la situazione, ora risponderemo in maniera tecnica, visto che la risposta politica è quella già data”.

Con una “pizzicata” nei confronti della Lega: “Certo, sembra un po’ strano che a due giorni dalle Elezioni, in maniera forse un po’ strumentale, arrivi questa richiesta – chiude Forcellati –. Naturalmente, nel merito, risponderemo coinvolgendo i nostri Uffici legali. Ma di revocare il patrocinio non se ne parla proprio”.

Pride, la Lega Vda diffida il Comune di Aosta sul patrocinio

Il Comune revochi il patrocinio al Pride, in programma l’8 ottobre. La richiesta arriva con una diffida al comune di Aosta dalla Lega Vda. L’invito al ritiro in autotutela del patrocinio del Comune alla manifestazione definita “Aosta Pride”, spiega il movimento, “si basa su un approfondito studio giuridico ed amministrativo concernente le disposizioni che disciplinano la concessione del patrocinio, nelle quali si evidenzia come una manifestazione con evidenti fini politici di propaganda e di finanziamento della propria struttura non possa assolutamente rientrare fra quelle supportabili dall’Amministrazione”. Tesi che, secondo la Lega Vda, sarebbe suffragata dal fatto che “gli organizzatori, hanno dovuto spostare la data dell’evento poiché coincidente con il silenzio elettorale e quindi non realizzabile”.

Il Carroccio evidenzia come “in un periodo nel quale le famiglie faticano ad arrivare alla fine del mese e le imprese chiudono i battenti, il Comune di Aosta non si faccia scrupoli nel finanziare con 10.000 euro un evento con evidenti finalità politiche, al punto da avere un vero e proprio “manifesto politico”, invece di pensare al bene delle famiglie ed allo sviluppo del territorio”.

Se non arriverà la revoca del patrocinio, il Carroccio annuncia di voler valutare un’azione “nelle competenti sedi e di segnalare eventuali danni erariali“.

10 risposte

  1. Coerentemente con i propri ideali omofobi la Lega ha fatto bene a presentare il ricorso.. così come il TAR ha fatto bene a respingerlo ricordando che il Medioevo è passato da un pezzo

  2. Ma la Lega non ha nulla di meglio da fare?
    Accanirsi su questo patrocinio è veramente patetico.

  3. Iniziano a comandare già prima del 26, poi qualcuno non vuole votare, lasciamo andare solo chi li sostiene?

  4. E questi sarebbero i famosi leghisti che vorrebbero governare “democraticamente” l’Italia, e che però non amano lasciare la libertà di manifestare le libere idee altrui?
    Il 25 settembre è sempre più vicino…andiamo a votare… e facciamo un doveroso “pernacchio in faccia” a chi vuole togliere la libertà di manifestare le proprie idee…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito è protetto da reCAPTCHA e da Googlepolitica sulla riservatezza ETermini di servizio fare domanda a.

The reCAPTCHA verification period has expired. Please reload the page.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte