Traforo del Gran San Bernardo, Manes: “Urgente risolvere la questione dei finanziamenti”

Se ne è discusso ieri nella visita ufficiale a Berna i membri della sezione bilaterale di amicizia UIP Italia Svizzera
Franco Manes a Berna
Politica

La cooperazione con la Svizzera, ma anche la questione dei collegamenti internazionali è stata al centro ieri, lunedì 11 settembre, della visita a Berna dell’onorevole Franco Manes ai membri della sezione bilaterale di amicizia UIP Italia Svizzera. Un evento a cui hanno preso parte anche i colleghi parlamentari Toni Ricciardi, presidente della sezione, Emiliano Fenu, Enrico Borghi, Catia Polidori e Giancarlo Calovini.

“Lunedì”, afferma l’On. Manes, “insieme al gruppo parlamentare di amicizia Svizzera-Italia, abbiamo affrontato temi cruciali come i rapporti strutturali transfrontalieri, la ricerca, il telelavoro, i lavoratori frontalieri, i trasporti, le infrastrutture, i temi ambientali e il nutriscore. Ho avuto l’opportunità di confrontarmi con Martin Candinas, Presidente del Consiglio nazionale svizzero, e con Ignazio Cassis, consigliere federale. Un focus particolare è stato dedicato alle problematiche legate ai collegamenti frontalieri e ai trafori, ponendo l’accento sulla situazione del Tunnel del GSB e sull’urgenza di un dialogo costruttivo tra le istituzioni Svizzere e Italiane per la sicurezza del traforo. Risulta, infatti, sempre più urgente risolvere la questione relativa ai finanziamenti statali da destinarsi alla quota di competenza italiana”.

Franco Manes sottolinea, infine, “l’importanza di continuare in questa direzione, rafforzando e ampliando la cooperazione con la Svizzera, partner fondamentale per la Valle d’Aosta”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito è protetto da reCAPTCHA e da Googlepolitica sulla riservatezza ETermini di servizio fare domanda a.

The reCAPTCHA verification period has expired. Please reload the page.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte