Trasporti, la Cgil chiede una svolta nel 2015

“La continua assenza di una determinante politica nei trasporti continuerà sempre di più a far emergere la gran parte dell’inefficienza e fragilità del nostro territorio contribuendo con ciò, al rallentamento dell'economia regionale”.

Stazione di Aosta
Politica

“L’anno che verrà, il 2015, deve rappresentare una svolta indifferibile per i servizi di trasporto nella nostra regione: per questo necessita un intervento di ripristino delle risorse al fine di rispondere alle esigenze degli utenti e conseguentemente al mantenimento dei livelli occupazionali nel rispetto delle regole contrattuali”.

A sostenerlo è il direttivo regionale della Filt Cgil Valle d’Aosta, riunitosi lunedì 22 dicembre scorso. Il sindacato ritiene che “la continua assenza di una determinante politica nei trasporti continuerà sempre di più a far emergere la gran parte dell’inefficienza e fragilità del nostro territorio contribuendo con ciò, al rallentamento dell’economia regionale”.
Per il sindacato “si deve ricercare la sinergia, la coesione e l’assunzione di responsabilità nelle proposte da parte dei soggetti decisionali per dare concretamente alla regione un assetto generale nel sistema dei trasporti”.

In merito alla ferrovia, “inadatta e obsoleta”, secondo la Filt Cgil bisogna continuare a “investire su un servizio di trasporto ferroviario senza rotture di carico utilizzando nuovo materiale rotabile capiente e confortevole evitando con ciò l’aggravarsi dell’evidente isolamento del territorio valdostano dal resto del paese”.
Per quanto riguarda l’aeroporto Corrado Gex il direttivo continua a sostenere che debbano “essere risolte urgentemente tutte le questioni in essere”, esprimendo piena solidarietà e sostegno “ai 27 lavoratori dipendenti della società AVDA, uniche vittime di una incresciosa situazione, in cassa integrazione, da ormai oltre due anni e che attendono la corresponsione delle spettanze da parte del fondo volo dal mese di marzo, della cassa in deroga dalla fine di settembre e ad oggi anche della tredicesima mensilità”.
 Infine, 
nel settore degli impianti a fune, la Filt Cgil “si auspica che senza scorciatoia alcuna, tutti i lavoratori stagionali addetti, raggiungano in questi giorni la piena occupazione”.


 

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Politica
Politica