Per la Cgil i nuovi locali di fisioterapia riabilitativa dell’Usl non sono adeguati

A dicembre il servizio per adulti e anziani è stato trasferito dall'ex maternità alla località Croix-Noire. Per la funzionaria Fp Cgil Eleine Krieger Garcia gli spazi sono inadeguati. Replica di direttore dell'Area territoriale dell’Usl Brinato: "La struttura ha passato tutti i controlli dell’Ufficio tecnico".
La nuova sede dei Servizi di riabilitazione a Saint-Christophe
Sanità

“Al di là dei locali, che ci sembrano inadeguati perché mancano gli spazi per far camminare i pazienti, la porta non dà accesso in maniera opportuna ai disabili, per loro non ci sono parcheggi per disabili, mentre i punti di sosta sono lontani per tutti, così come lo è la struttura per le persone che devono accedere con i mezzi pubblici”.

A dirlo è Eleine Krieger Garcia, funzionaria Fp Cgil Valle d’Aosta. L’obiettivo della critica? I nuovi locali dedicati ai servizi di riabilitazione per adulti e anziani di Aosta dell’Usl a Saint-Christophe – in località Croix-Noire –, il cui spostamento dalle sede precedente (l’ex maternità di via Saint-Martin-de-Corléans) era stato annunciato a fine settembre in Consiglio Valle.

“Sono discorsi già fatti ad agosto – spiega ancora Krieger Garcia –. Il giorno dopo la riunione sindacale contestavamo sia le modalità sia il luogo, che già ritenevamo inadeguato allora. È un posto che conoscevamo tutti, e abbiamo fatto presente che per un’utenza così grande, il servizio copre tutta Aosta e i dintorni non era idoneo”.

L’Azienda, in realtà, aveva altri piani. Ovvero, quello di spostare alcuni servizi della ex maternità al Centro Brocherel. I tempi, però, erano troppo lunghi. E dalle Commissioni sul bilancio previsionale del Comune di Aosta è emerso che il 2024 potrebbe essere l’anno buono per vedere la gara d’appalto. Da lì serviranno due anni di lavori. Troppi per aspettare.

Quindi, è scattato il “piano B”. la “soluzione-tampone” di località Croix-Noire. “Sono arrivate lamentele sia dagli operatori, che dicono che la struttura non vada assolutamente bene per il servizio, sia dall’utenza – aggiunge la sindacalista –. Per il problemi del parcheggio, perché la porta va tenuta aperta per chi ha la carrozzina, per l’ascensore piccolo non adatto a tutte e le carrozzine e assolutamente non conforme per le barelle”.

“Ci hanno detto che tutto era stato verificato ed era perfetto – chiude Krieger Garcia –. Abbiamo chiesto lumi all’Azienda prima di Natale e per ora una risposta ancora non c’è stata. Noi oggi segnaliamo queste criticità e chiediamo all’Usl che metta a posto tale situazione. Ma secondo loro tornare indietro non è fattibile”.

Una struttura che ha passato tutti i controlli 

Valutazioni nelle quali non si ritrova il dottore Franco Brinato, direttore dell’Area territoriale dell’Usl: “Abbiamo trasferito il servizio in locali completamenti nuovi, modernizzati e riqualificati – ha spiegato –. Ci siamo occupati di dare un servizio e, al momento, non mi sono state notificate queste criticità. È stata fornita una struttura più adeguata per gli utenti e più sicura da tutti i punti di vista”.

Non solo: “Ho parlato anche con il personale prima del trasferimento, proprio per poter dare un servizio migliore. Per evitare i problemi di spazio segnalati si potrebbe dilazionare meglio gli utenti – ha proseguito il dirigente –. È una questione da gestire, perché altrimenti gli spazi in sanità non bastano mai. Nella struttura c’è un corridoio nel quale la gente può camminare, ma è chiaro che venti persone non ci stanno. Ma riguardo i disagi non ho informazioni”.

Brinato, però, tiene una porta aperta al dialogo: “Purtroppo, ci sono poche strutture disponibili. Ci siamo mossi anche sulla parte dell’età evolutiva che oggi rimane ancora nell’ex maternità. Dovremmo trasferirla, però restando all’interno di Aosta. Tutto ciò che facciamo è concordato con la parte sindacale e con il personale. Questi passaggi li facciamo tutti. Poi, se i sindacati possono venire a parlarmi io li aspetto sempre.  Oggi abbiamo fornito a personale e utenti una struttura che ha passato tutti i controlli dell’Ufficio tecnico. E quindi l’abbiamo avviata”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito è protetto da reCAPTCHA e da Googlepolitica sulla riservatezza ETermini di servizio fare domanda a.

The reCAPTCHA verification period has expired. Please reload the page.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte