Sanità, i sindacati dei medici: Serve stabilità, non l’ennesimo rimpasto

Per ANAAO Assomed, AAROI, CIMO, SNR le criticità della sanità valdostana "sono soprattutto il risultato dell’assenza di progettualità e di continuità nell’azione di governo – e, di rimbalzo, a livello aziendale Usl – dovuta appunto ai troppi cambi al comando".
Ospedale Parini
Sanità

“Servono stabilità e progettualità per contrastare il dissanguamento delle casse pubbliche dovuto alla mobilità passiva da parte dei cittadini che vanno a farsi curare altrove quando, grazie a qualità ed abnegazione del personale ospedaliero valdostano, potrebbero ricevere lo stesso – o addirittura migliore – trattamento in Valle”. A dirlo sono i sindacati della dirigenza medica ANAAO Assomed, AAROI, CIMO, SNR.

“La Sanità valdostana versa in gravi condizioni legate alle note carenze di personale, alle liste d’attesa infinite e all’impossibilità di effettuare una programmazione a medio e lungo termine,   – ricordano le organizzazioni sindacali – quest’ultima causata dall’avvicendamento, negli ultimi 5 anni, di ben 6 assessori alla sanità, con 3 legislature e 7 giunte e, a cascata, molteplici cambi dei vertici dell’azienda Usl”.

Per i sindacati le criticità della sanità valdostana “sono solo in modesta parte il frutto della “congiuntura” nazionale o della recente pandemia Covid, in quanto sono soprattutto il risultato dell’assenza di progettualità e di continuità nell’azione di governo – e, di rimbalzo, a livello aziendale Usl – dovuta appunto ai troppi cambi al comando”.

La legge sull’attrattività – “seppure da perfezionare e allargare in futuro a tutte le figure sanitarie non ancora coinvolte” –  viene portata ad esempio dai sindacati come una delle soluzioni individuate alle gravi criticità da parte dell’assessore Roberto Barmasse e del nuovo direttore generale, così come la “definizione di progetti per l’ammodernamento strutturale di ospedale e territorio.  – si legge ancora nella nota – È inoltre iniziata una trattativa per portare avanti altre fondamentali azioni, quali il rinnovo dell’atto aziendale (scaduto da quasi 2 anni), l’emanazione di leggi finalizzate alla riorganizzazione della sanità pubblica ospedaliera valdostana, la modifica della normativa sulle prestazioni aggiuntive per abbattere efficacemente le liste di attesa e rendere l’operato dei sanitari strutturati competitivo rispetto a quello dei medici/infermieri a gettone e rispetto alle strutture sanitarie della Svizzera e delle regioni limitrofe che, invece, non perdono tempo. Tutto ciò è ora fermo, in attesa degli ennesimi avvicendamenti politici che, evidentemente, saranno forieri di una frettolosa legge di bilancio e, in ambito di sanità pubblica regionale, di paralisi o revisioni sistematiche di tutta una serie di proposte volte a migliorare il lavoro degli operatori sanitari e, conseguentemente, le cure offerte ai pazienti”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Sanità
Sanità

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte