Il bonus formativo riconosciuto dal giudice a 19 docenti precari

Sono state pubblicate le sentenze con cui la Regione è stata condannata a rifondere un totale di oltre 48mila euro agli insegnanti ricorrenti. La Cisl scuola: “Vittorie importantissime”, rispetto a “intollerabili discriminazioni tra il personale” della categoria.
Tribunale aosta
Scuola

48.379 euro. E’ la somma totale che la Regione è tenuta a versare a diciannove insegnanti, a seguito delle sentenze, pubblicate ieri, 1° dicembre, con cui il giudice del lavoro Luca Fadda ha condannato l’ente pubblico a rifondere i ricorrenti, che erano patrocinati dalla Cisl Scuola Valle d’Aosta.

Le sentenze, sottolinea il Sindacato in una nota, hanno riconosciuto i diritti dei docenti precari a percepire, al pari dei colleghi a tempo indeterminato, una retribuzione corrispondente a quella maturata in forza della progressione stipendiale e dei cosiddetti “scatti di anzianità”, l’indennità di retribuzione professionale docente e il noto “Bonus 500”, introdotto al fine di sostenere la formazione continua, in un’ottica di valorizzazione delle competenze professionali.

“Si tratta di vittorie importantissime per i precari, – si legge nel documento, a firma della segretaria regionale della sigla, Alessia Démé – che vedono confermate anche a livello giurisdizionale delle prerogative su cui le organizzazioni sindacali scolastiche e, in particolare, la Cisl Scuola, insistono da tempo, ritenendo intollerabili discriminazioni tra il personale a tempo determinato e a tempo indeterminato all’interno della categoria docente”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Scuola

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte