Accordo fra Bcc valdostana a le Diocesi di Aosta

L'accordo prevede condizioni particolari di conto corrente e finanziamenti destinati ad investimenti da realizzarsi da parte dei beneficiari autorizzati dalla Diocesi con Decreto Vescovile.
Da sx Davide Ferre e Don Giuliano Albertinelli
Società

Condizioni particolari di conto corrente e finanziamenti destinati ad investimenti da realizzarsi da parte dei beneficiari autorizzati dalla Diocesi con Decreto Vescovile. E’ quanto prevede una nuova convenzione siglata fra Bcc Valdostana, aderente al gruppo Bancario Cooperativo Cassa Centrale Banca, e la Diocesi di Aosta, in particolare rivolta a parrocchie ed enti ecclesiastici.

La stipula della convenzione è stata siglata dal Presidente della Bcc Valdostana, Davide Adolfo Ferré, e dall’Economo della Diocesi di Aosta, Don Giuliano Albertinelli.

“Abbiamo avviato una fase importante di dialogo e sviluppo di nuove sinergie, che oltre che ai Confidi e alle associazioni di categoria, guarda al rafforzamento della rete di contatti e rapporti territoriali – commenta il Presidente della Bcc Valdostana, Davide Adolfo Ferré – Questa nuova convenzione con la Diocesi rappresenta uno sguardo attento da parte del nostro Istituto ad una dimensione importante della comunità locale, impegnata da sempre nell’ascolto sapienziale del territorio, inteso come realtà ecclesiale fatta dalle persone e dalle loro molteplici dimensioni e relazioni. Una BCC nel proprio territorio è un bene della comunità intera perché consente un dialogo più diretto fra la comunità stessa ed un organismo creditizio, indispensabile per la crescita economica, ma anche sociale e culturale di tutti”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito è protetto da reCAPTCHA e da Googlepolitica sulla riservatezza ETermini di servizio fare domanda a.

The reCAPTCHA verification period has expired. Please reload the page.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte