Aids, 3 nuovi casi nel 2012. “Tanti non sanno nemmeno di avere l’infezione”

Nel 2012 i nuovi casi di Hiv registrati sul territorio regionale sono stati 8 mentre i casi di contagio da Aids 3. "Di questi tre - ha spiegato il dottor Traverso - due non sapevano neanche di aver contratto l'infezione da Hiv".
Società

"Non abbassare la guardia, l’Hiv colpisce ancora". E’ questo il messaggio che arriva dalla conferenza stampa di presentazione degli ultimi dati sull’infezione in Valle d’Aosta. Nel 2012 i nuovi casi di Hiv registrati sul territorio regionale sono stati 8 mentre i casi di contagio da Aids 3. "La cosa più preoccupante – ha spiegato Antonio Traverso, Direttore del Dipartimento di malattie infettive dell’Azienda Usl – è che di questi tre, due non sapevano neanche di aver contratto l’infezione da Hiv". L’infezione cosi come la malattia ritornano, come già anni fa, nel mondo del sommerso, "almeno una persona su quattro non sa di averla". Per questo spiega il dottor Traverso "bisogna tornare a spiegare l’importanza del test".

L’identikit del sieropositivo in Valle d’Aosta è italiano, maschio (63%) anche se la percentuale femminile nella regione è più alta del dato nazionale (37% in Vda contro il 24,7% italiano). L’età media è di 40 anni mentre a livello nazionale si è abbassata arrivando ai 38 anni per i maschi e a 34 per le donne. Il contagio avviene nel 75% dei casi tramite rapporti sessuali etero che non vengono percepiti sufficientemente come a rischio.

 

 

 

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Società
Società
Società

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte