Alta velocità, Ferrentino del movimento No-Tav contro l’ipotesi del tracciato ” valdostano”

A dieci giorni dalla grande manifestazione di Roma contro le grandi opere, Antonio Ferrentino, uno dei capofila del movimento No-Tav, è stato invitato ad Aosta dal gruppo Arcobaleno per incontrare i giornalisti locali....
Società

A dieci giorni dalla grande manifestazione di Roma contro le grandi opere, Antonio Ferrentino, uno dei capofila del movimento No-Tav, è stato invitato ad Aosta dal gruppo Arcobaleno per incontrare i giornalisti locali.
A fianco di Ferrentino, presidente della Comunità montana Bassa Val di Susa e Val Cenischia e sindaco di Sant’Antonino di Susa, erano presenti Giorgio Caniglia, coordinatore dell’Arcobaleno e Piero Valleise, segretario regionale di Rifondazione comunista.
Non sono mancati gli argomenti di discussione legati alla realtà italiana, piemontese e valdostana, anche alla luce delle recenti dichiarazioni di Luciano Caveri riguardo all’eventualità di spostare il tracciato della linea ferroviaria in Valle d’Aosta.
?Ogni ipotesi di tracciato – ha affermato Ferrentino – richiede uno studio progettuale diverso, dei presupposti e delle finalità differenti. Evidentemente per alcuni l’importante è costruire ad ogni costo, non importa cosa, dove né perché. Il sistema delle compensazioni, che strappa consensi assegnando sei-settecento milioni di euro ai comuni coinvolti, non ripaga dei danni ambientali e dallo spreco di denaro pubblico. Dal 2002 al 2005 le tonnellate di merci trasportate oltreconfine sono scese da 11,2 milioni a 6,2 milioni, e continuano a diminuire. Secondo uno studio tecnico sui flussi di traffico sull’arco alpino le infrastrutture già esistenti, se utilizzate appieno, sarebbero ampiamente in grado di fare fronte anche a necessità ?gonfiate? e improbabili?.

Antonio Ferrentino ha puntato il dito contro la cosiddetta Legge Obiettivo, che ?sottrae agli enti locali la possibilità di esprimersi riguardo alle grandi opere: per questo il movimento No-Tav ha il merito storico di avere costretto le istituzioni a considerare il punto di vista degli enti locali. Purtroppo dichiarazioni come quella di Caveri o di altri amministratori pubblici dimostrano che non tutti che non tutti applicano questo principio?.Giorgio Caniglia, facendo riferimento alla realtà valdostana, ha affermato che ?grazie ai referendum è stato inoculato nei valdostani il bacillo della partecipazione popolare, e non è escluso che anche nella nostra regione possa nascere un movimento dal basso in grado di fare sentire la propria voce?.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Società
Società