Società di Domenico Albiero |

Ultima modifica: 12 Dicembre 2016 16:07

Anche ad Aosta nasce l’Emporio solidale, il ‘negozio’ per chi è in difficoltà economica

Aosta - L’esperienza degli empori è molto diffusa in tutta Italia e da oggi parte una sperimentazione anche nella nostra regione grazie alla collaborazione fra l’assessorato regionale alle Politiche sociali e il Coordinamento solidarietà Valle d’Aosta.

Stefania Perego e Laurent Viérin inaugurano Quotidiamo

Un luogo dove le famiglie e le persone in difficoltà economica potranno fare gratuitamente la spesa e, allo stesso tempo, uno sportello per orientarsi fra i diversi servizi rivolti alle fasce deboli che il territorio già offre. E’ questo “Quotidiamo” l’emporio solidale che è stato inaugurato oggi, lunedì 12 dicembre, in via Avondo ad Aosta.

L’esperienza degli empori è molto diffusa in tutta Italia e da oggi parte una sperimentazione anche nella nostra regione grazie alla collaborazione fra l’assessorato regionale alle Politiche sociali e il Coordinamento solidarietà Valle d’Aosta. “Questa esperienza – ha detto Stefania Perego, presidente del Csv – nasce alla sinergia fra soggetti pubblici, privati e organizzazioni di volontariato. Un bell’esempio che rende solida la possibilità di proseguire nel progetto”. “Le persone che fruiscono dell’emporio solidale – ha aggiunto l’assessore Laurent Viérin – hanno anche la possibilità di restituire quanto ricevuto in ore di volontariato. E questo è senza dubbio un valore aggiunto”.

Posso accedere a Quotidiamo le persone in difficoltà segnalate dai servizi sociali. Ciascuno riceverà una tessera del valore di 45 punti per ricevere cibi freschi e secchi. Chiunque può contribuire al progetto sia donando cibo, sia con offerte in denaro.

Ma la vera opportunità è offerta dalla recente legge contro lo spreco alimentare approvata recentemente dal Parlamento. Recuperare le eccedenze alimentari ha un duplice effetto positivo: sull’ambiente attraverso la riduzione dei rifiuti e sulla comunità con la distribuzione del cibo a chi è in difficoltà.

Per i negozianti e per gli operatori della grande distribuzione, donare le eccedenze all’emporio garantisce la non imponibilità agli effetti dell’IVA e permette uno sconto sulla tassa dei rifiuti proporzionale alla quantità di cibo donato.

Iscriviti alla nostra newsletter

* indicates required

Non daremo mai i tuoi dati a terzi e ti promettiamo che non ti disturberemo inutilmente e che non ti faremo mai perdere tempo.


Puoi cancellarti in ogni momento da questa lista, cliccando nel link che trovi al fondo di ogni mail che ti inviamo. Per avere tutte le informazioni a proposito della nostra "policy" in termini di privacy, puoi andare sul nostro sito www.aostasera.it

Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing: significa che è lo strumento con cui ti mandiamo le mail. Cliccando qui sotto su "Mi iscrivo", confermi di essere al corrente del fatto che gestiremo le informazioni che ci hai lasciato qui attraverso Mailchimp. Se voi scoprire di più sulla Privacy Policy di Mailchimp, clicca qui

Commenta questo articolo