Aosta, azione di Casapound Italia “contro la svendita del centro storico”

Casapound propone quindi una "detrazione sulle tasse comunali a favore di quei commercianti che mantengono un livello qualitativo accettabile dei propri prodotti".
Società

“Basta svendita del centro storico” e “Vendesi centro storico”. Sono i cartelli che i negozianti del Centro storico di Aosta si sono trovati sabato mattina affissi sulle proprie attività. L’iniziativa è opera dei militanti di Casapound Aosta.

“Sempre più spesso  – spiega il movimento in una nota – i commercianti del centro, strozzati dalla pressione fiscale e dalla crisi economica, sono obbligati ad abbassare definitivamente la serranda per lasciare spazio ad attività che possono applicare un prezzo dimezzato grazie alla scarsa qualità dei prodotti proposti. Non vogliamo che il centro storico di Aosta, come quello di altre città italiane, si trasformi in una serie di negozi tutti uguali, in cui la merce venduta è sempre la stessa e i lavoratori sono esclusivamente stranieri”.

Casapound propone quindi una "detrazione sulle tasse comunali a favore di quei commercianti che mantengono un livello qualitativo accettabile dei propri prodotti e l’imposizione di una limitazione sull’apertura di negozi che vendono oggetti di scarsa qualità e potenzialmente dannosi per la salute.”

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Società
Società