Aosta biker tour: alla scoperta di Aosta in bicicletta

Scoprire Aosta in bicicletta da qualche settimana è più facile. Il comune di Aosta, infatti, nell'ambito di un progetto comunitario denominato ?Moby-Alp? ha dato avvio alla sperimentazione di un nuovo servizio turistico:...
Società

Scoprire Aosta in bicicletta da qualche settimana è più facile. Il comune di Aosta, infatti, nell’ambito di un progetto comunitario denominato ?Moby-Alp? ha dato avvio alla sperimentazione di un nuovo servizio turistico: quattro biciclette sono state attrezzate con dei palmari, a loro volta dotati di un gps, che permettono al turista che voglia visitare la città di usufruire di due funzioni molto pratiche. La prima è di poter fare il giro della città in bicicletta, quindi comodamente e con un mezzo ecologico sapendo sempre, guardando la cartina che c’è sul palmare, in che punto della città si trova. La seconda funzione permette, sempre grazie al palmare in dotazione, di avere informazioni su un monumento o un sito archeologico, ascoltando il programma audio e visivo.

?Il servizio biciclette per i turisti va ad integrare quello riservato ai residenti – spiega Marino Guglielminotti Gaiet, assessore comunale alla Mobilità- Abbiamo aumentano inoltre il parco biciclette a dispozione che è passato da 28 a 40, distribuite in varie parti della città, biciclette che vengono utilizzate da residenti e non per spostarsi in città dopo aver lasciato le macchine nelle zone periferiche. La richiesta di più di 300 utenti, che hanno fatto domanda per le chiavi delle bici è stata soddisfatta?.

Accanto a queste misure c’è quella del piano spostamenti casa-lavoro-casa dei dipendenti comunali. Anche in questo caso la richiesta iniziale di agevolazioni è cresciuta passando dal 4% al 10%: ci sono quindi più dipendenti che non usano più l’auto privata ma i mezzi pubblici usufruendo di agevolazioni che arrivano fino al 60% di sconto.
?Fra qualche mese, mi auguro anche prima – ha detto ancora Gaiet – non appena avremo il via della Regione, inizieremo la sperimentazione dei bus a chiamata, a domanda flessibile, che andrà a coprire soprattutto la zona collinare e delle frazioni. Un servizio a chiamata che non avrà particolari aumenti di costo per gli utenti e che riguarda anche altri comuni della plaine come Sarre e Gignod?.
Infine, sempre nell’ambito della mobilità, il comune di Aosta, darà avvio alla reistituzione dell’isola pedonale, dal 15 giugno al 15 settembre, che quest’anno è stata dilatata di un’ora dalle 12 alle 15 lungo le direttrici principali della città.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Società