Approvato il regolamento per l’equo compenso in favore di editori e giornalisti

Il regolamento permetterà agli editori e ai giornalisti di chiedere alle piattaforme come Google e Facebook un compenso per i contenuti informativi che distribuiscono in Internet
computer
Società

Il regolamento per l’equo compenso in favore degli editori e dei giornalisti ottiene il via libera da parte dell’Autorità per le Comunicazioni (AgCom). Il regolamento permetterà agli editori e ai giornalisti di chiedere alle piattaforme come Google e Facebook un compenso per i contenuti informativi che distribuiscono in Internet.

“Sin dal primo giorno come ANSO abbiamo portato avanti la posizione degli editori nativi digitali che in questi 20 e più anni hanno avviato migliaia di nuove realtà editoriali, creato posti di lavoro e pubblicato prodotti editoriali di altissima qualità. Abbiamo sempre ribadito che per noi l’importante era poter continuare a sfruttare il traffico generato dalle diverse piattaforme: da google a Facebook, da Twitter a TikTok. – spiega Matteo Rainisio, ex vice presidente di Anso  – Adesso le piattaforme e gli editori potranno continuare a lavorare insieme, ma soprattutto gli editori nativi digitali potranno continuare a prosperare grazie al traffico proveniente da tutte queste piattaforme.”

Il regolamento stabilisce i criteri per la determinazione dell’equo compenso, Alla base di calcolo si applica un’aliquota fino al 70% determinata sulla base di alcuni criteri, considerati cumulativamente e con rilevanza decrescente, come il numero di consultazioni online delle pubblicazioni di carattere giornalistico dell’editore sui servizi del prestatore, espresse in termini di visualizzazioni e interazioni degli utenti e rilevate in conformità a criteri di correttezza metodologica, trasparenza e verificabilità o la rilevanza dell’editore sul mercato, espressa in termini di audience online e rilevata su base periodica da organismi dotati della massima rappresentatività dell’intero settore di riferimento.

L’Autorità valuterà l’adesione e conformità degli editori e dei prestatore a codici di autoregolamentazione e a standard internazionali in materia di qualità dell’informazione e di fact-checking.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Società

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte