Caccia, a fin di bene, ai mufloni: saranno ospitati nell’allevamento di renne a Courmayeur

Grazie alla sensibilità e alla buona volontà di Gabriele Sanlorenzo ed Emilio Péaquin, i mufloni, una volta presi, troveranno una nuova casa e arricchiranno con la loro presenza l’allevamento di renne che si trova a Courmayeur, in fraz. Dolonne.
Le giovani renne
Società
Buone notizie per i sostenitori dei “mufloni clandestini”. La notizia, infatti, che i due animali sarebbero stati abbattuti ha creato il malcontento nella popolazione. La novità è che la Direzione regionale della Forestale tenterà ancora di catturarli prima dell’arrivo della neve. Dove finiranno poi i due animali, mamma e cucciolo? Saranno rispenditi oltre confine? No. Grazie alla sensibilità e alla buona volontà di Gabriele Sanlorenzo ed Emilio Peaquin, i mufloni troveranno una nuova casa e arricchiranno con la loro presenza l’allevamento di renne che si trova a Courmayeur, in fraz. Dolonne.
 
La proposta di accoglierli nel centro è partita infatti proprio dai due allevatori: “Mi ha chiamato “Nonno Emilio” (Emilio Péaquin) – racconta Gabriele Sanlorenzo – raccontandomi di quanto stava avvendo in Valle d’Aosta e per impedire che i due animali fossero uccisi, abbiamo proposto al Presidente della Regione e poi all’Assessore all’Agricoltura, di farci carico dei mufloni una volta presi”.
 
Nonno Emilio, in pensione e con la passione per gli animali, si occupa delle otto renne dell’allevamento che dall’anno scorso trova sede ideale a Courmayeur. Mentre era per boschi a raccogliere licheni per i suoi animali ha intravisto i due mufloni, mamma e cucciolo. Una volta saputo dell’intenzione e dell’ordinanza per abbatterli non ha perso tempo ed ha chiamato Gabriele,  proprietario dell’allevamento di renne. L’idea di accogliere i due animali tra le renne è stata consueguenza immediata del loro amore e passione per gli animali.
“I tentativi di questa mattina per prenderli sono stati vani – racconta Gabriele – i due animali si stanno spostando e dalla Val Ferret si sono spostati in una zona più vicina a Courmayeur e poco agevole. Inoltre, non sono così socievoli quindi è più difficile prenderli”.
Non resta che incrociare le dita e attendere la cattura, a fin di bene, dei due mufloni. Mamma e cucciolo non sanno che ad attenderli c’è un ricovero tranquillo proprio lì vicino. Speriamo che vengano richiamati dallo scampanellio della slitta di “Babbo Natale”.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Società
Società

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte