Carnevale, Pont-Saint-Martin e Verrès ci provano

Il sei gennaio è stato appeso, in modo eccezionalmente silenzioso, il diavolo al ponte romano, e proprio oggi ci sarebbe dovuta essere la presentazione dei personaggi al castello di Verrès, che è saltata, come quasi tutti i carnevali. Sono poche le certezze, si farà quello che sarà possibile in base alla situazione.
Il diavolo 2021 dotato di mascherina
Società

La programmazione del carnevale 2021 è un navigare a vista. Purtroppo, è addirittura troppo parlare di programmazione: ci si dovrà accontentare di qualche piccola ricorrenza salvata dalle restrizioni. “Quest’anno faremo pochissimo”, ammette Battista Enrietti, rappresentante del carnevale di Pont-Saint-Martin. “Sicuramente non sarà un carnevale come gli altri”, dice Susy Vallino, che porta la voce del carnevale di Verrès.

Oggi il Castello di Verrès è vuoto, quando avrebbe dovuto ospitare la presentazione dei personaggi principali. Tutte le attività che si tenevano nel castello sono annullate: “Danze, balli, rinfreschi – elenca Vallino – e per il resto vedremo quali saranno le disposizioni. Si farà una cosa molto ridimensionata, anche se ho dubbi che si riesca”.

Il giorno dell’Epifania, al ponte romano è stato appeso il diavolo, dotato di mascherina: verrà bruciato come da ricorrenza, se con o senza fuochi d’artificio, ancora non si sa. L’unica attività sicura è la fagiolata, per altre prospettive è ancora presto decidere, si valuterà in base al corso della pandemia.  “Noi cercheremo di fare qualcosa per non interrompere la storicità ma più di tanto non si potrà fare. I carnevali sono tutti annullati, addirittura quello di Viareggio non sarà festeggiato”, riferisce Enrietti davanti ad una situazione che non si può cambiare. ”Mettendo fuori il diavolo ho visto molta gente calorosa attorno che guardava, erano contenti, ma bisogna agire nel rispetto dei cittadini, visti anche  tutti i lutti che ci sono stati in paese”.

Sarà il diavolo il solo richiamo al Carnevale in paese? L’allestimento con le consuete bandiere è ancora incerto. “Penso che qualcosa sia messo, ma devo ancora confrontarmi con i Rioni”, spiega Enrietti. Anche a Verrès si pensa di mettere qualche decorazione: “non tutto, ma giusto per manifestare che è il periodo di carnevale”, dichiara Vallino.

Per questa edizione che “presumibilmente è saltata” ammette Vallino, si cercherà di fare il massimo, ma i limiti sono stretti e ancora indefiniti. Comunque, “quel poco che faremo lo faremo adesso, nelle date giuste” specifica Enrietti. “Penso che la date vadano rispettate. Carnevale è a febbraio non nel mese di agosto, che è il mese della festa patronale”.

WhatsApp Image at
Appeso il diavolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito è protetto da reCAPTCHA e da Googlepolitica sulla riservatezza ETermini di servizio fare domanda a.

The reCAPTCHA verification period has expired. Please reload the page.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte