Caso Cogne: un dossier “sabot” consegnato all’accusa

Per sette giorni i carabinieri di Aosta hanno passato al setaccio i negozi di calzature di Cogne, Aosta, e dei paesi vicini, per preparare un dossier che è stato già inviato alla procura generale di Torino. Le...
Società

Per sette giorni i carabinieri di Aosta hanno passato al setaccio i negozi di calzature di Cogne, Aosta, e dei paesi vicini, per preparare un dossier che è stato già inviato alla procura generale di Torino. Le forze dell’ordine hanno cercato informazioni riguardo a un particolare tipo di calzatura, il sabot, che la difesa ha indicato come possibile arma del delitto.
Il dossier ricavato da questa indagine nei negozi di calzature ora è nelle mani dell’accusa. Lo studio Chicco di Torino, che si occupa della difesa di Annamaria Franzoni, portata avanti dall’avvocato Paola Savio, ha espresso soddisfazione per questa notizia “segno – ha commentato lo studio in una nota – del fatto che gli studi del perito Torre, che ha indicato la pista del sabot come arma del delitto, sono attendibili“. Secondo l’accusa, viceversa, l’indagine servirebbe solo a dimostrare che l’arma non può essere stata un sabot.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Società
Società

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte