Cordoglio del Consiglio regionale per la scomparsa di suor Emmanuelle ‘Donna del secolo’ del 2000

Suor Emmanuelle aveva ricevuto la menzione speciale 'Donna del secolo' in occasione dell'edizione 2000 del Premio Internazionale 'Donna dell'Anno' istituito dalla Presidenza del Consiglio regionale. La religiosa si è spenta la notte scorsa in Francia.
Suor Emmanuelle
Società
Una avventura umana capace di risvegliare e provocare gli animi, di strappare il velo opaco del déjà-vu e già sentito, al di là ogni fede e convinzione politica. Uno splendido esempio d’amore che va al di là di ogni frontiera e differenza”. Con questa motivazione nell’edizione 2000 del Premio internazionale “Donna dell’Anno”, Suor Emmanuelle aveva ricevuto la menzione speciale “Donna del secolo”. Suor Emmanuelle si è spenta "nel sonno" nella casa di riposo dove risiedeva, la notte scorsa a Caillan, nel sud della Francia. Il 16 novembre avrebbe compiuto 100 anni.
Una donna di fede e di azione, che aveva fatto dell’amore per i diseredati e per i poveri la missione della sua vita”. Così la ricorda, in un messaggio di condoglianze, il Presidente del Consiglio regionale, Albert Cerise, che aggiunge “L’umanità non scorderà mai questo personaggio entusiasta e pieno di energia, che ha sempre risposto a qualsiasi appello per il bene contro il male, per la vita contro la morte, per i bambini poveri d’amore del mondo intero”.

Nata Madeleine Cinquin, di origine belga, nel 1980 ha dato vita alla fondazione Suor Emmanuelle. L'associazione che porta il suo nome continua ad aiutare bambini poveri in tutto il mondo, dall'Egitto al Sudan, dal Libano alle Filippine, dall'India al Burkina Faso. Laureata in filosofia alla Sorbona, aveva insegnato letteratura e filosofia ad Istanbul, Tunisi, Il Cairo e Alessandria, e aveva scritto diversi libri. In Francia era stata decorata con la Legione d'onore nel 2002 e nominata Gran Ufficiale nel febbraio scorso.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Società

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte