Corecom: tempi più brevi e maggiori accordi per le conciliazioni tra gestori telefonici e utenti

Lo segnala il Comitato regionale per le comunicazioni che ha presentato il bilancio delle attività del 2009. Comunicazione culturale: il 3 dicembre protagonista a Palazzo regionale Piergiorgio Odifreddi, tra i più grandi matematici italiani.
L'avvocato Corrado Bellora
Società
Diminuiscono di 11 giorni i tempi medi delle pratiche e aumenta il numero degli accordi pre-udienza andati a buon fine. Sono due dei dati positivi diffusi oggi dal Corecom, tra i più efficienti in Italia secondo il mensile dell’ATI, Associazione Telespettatori Italiani, in relazione alle pratiche di conciliazione portate avanti nel corso del 2009. Anche se di poco cresce il numero delle controversie tra gestori di telefonia e utenti, si passa infatti dalle 213 del 2008 alle 216 del 2009. Cresce anche il valore economico medio del procedimento, passato da 547 a 732 euro.

I buoni risultati registrati sono merito dello Sportello Conciliazioni, attivo dal primo agosto scorso – ha precisato il presidente del Corecom VdA, Corrado Bellora Per quanto riguarda il bilancio 2010 prevediamo inoltre, dato il momento di crisi, di ridurre del 7% i costi di attività, siamo infatti sostenuti da denaro pubblico e ci sembra un buon segnale da dare”.

Se il 2009 non è stato un anno particolarmente produttivo per il Corecom, il 2010 pone fine a questa “ricreazione”. Le prossime elezioni comunali di maggio 2010 terranno sull’attenti l’organo di controllo nell’ambito della comunicazione politica ed elettorale.

Nel campo della comunicazione culturale, sulla quale il Corecom è attivo e spinge con il ciclo di incontri “L’Altra Comunicazione”, è stato presentata la serata che si svolgerà il prossimo 3 dicembre alle ore 21, nel Salone delle manifestazioni di Palazzo regionale, ad Aosta. Protagonista dell’incontro “Raccontare la scienza” sarà Piergiorgio Odifreddi, tra i grandi matematici italiani, docente in prestigiose università, commendatore dell’Ordine di Merito della Repubblica Italiana. “Si tratta di proporre un modello di comunicazione diversa  – ha spiegato Bellora – crediamo infatti che fare cultura sia anche fare pluralismo. Ecco perché gli appuntamenti che abbiamo presentato anche negli scorsi anni hanno visto alternarsi personaggi di contesti e con idee differenti”. Odifreddi, inoltre, nella mattinata del 3 dicembre alle 11.30 terrà anche una “lectio magistralis” all'Università della Valle d’Aosta per gli studenti della Facoltà di Scienze delle Formazione.

 

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Società
Società