Dimitri Démé confermato alla guida del Savt/Agricoli-Forestali

Assieme a lui, il nuovo direttivo sarà composto da Edy Italo Arlian, Diego Bétemps, Mauro Dayné, Teo Dayné, Remo Gorraz, Giuseppe Mariano, Leonardo Muntoni, Fabrizio Pasqualotto e Massimo Salvadori. Tra gli obiettivi futuri il rinnovo del Contratto integrativo regionale di lavoro.
Il segretario del Savt/Agricoli-Forestali Dimitri Démé
Società

Dimitri Démé, segretario uscente, è stato riconfermato all’unanimità al vertice del Savt/Agricoli-Forestali durante il XVIII Congresso di categoria di sabato 18 novembre.

Assieme a lui, il nuovo direttivo sarà composto da Edy Italo Arlian, Diego Bétemps, Mauro Dayné, Teo Dayné, Remo Gorraz, Giuseppe Mariano, Leonardo Muntoni, Fabrizio Pasqualotto e Massimo Salvadori.

Durante la sua relazione da segretario uscente, Démé ha spiegato: “Abbiamo affrontato sfide significative e raggiunto successi importanti”, sottolineando “il ripristino del rimborso chilometrico in busta paga a partire dal 1° gennaio 2020 e il recupero delle relative somme dovute ai lavoratori, nonché il costante aumento, anno dopo anno, delle giornate di lavoro degli operai idraulico-forestali a tempo determinato”.

Démé ha anche evidenziato i problemi del settore idraulico-forestale, originate “da incomprensibili politiche governative regionali iniziate nel 2010, che hanno comportato drammatici tagli di personale e gravi disfunzioni organizzative. Politiche regionali che, con continue mutazioni nel tempo, avevano portato, nel 2018, all’avvio di un processo di reclutamento del personale attraverso bandi e relative graduatorie, con l’inaccettabile azzeramento dei livelli acquisiti nel tempo dagli operai stagionali”.

Savt/Agricoli-Forestali
Il Congresso Savt/Agricoli-Forestali

Restano tuttavia delle sfide aperte, come il rinnovo del Contratto Integrativo Regionale di Lavoro scaduto nel 2010 e la continua diminuzione delle assunzioni del personale idraulico-forestale, soprattutto per ciò che concerne i lavoratori stagionali.

Dopo aver evidenziato l’importanza dell’unità sindacale, sia di categoria sia confederale, Démé ha sottolineato il progressivo aumento del numero degli iscritti al Savt/Agricoli-Forestali che, oltre al settore idraulico-forestale, conta numerose adesioni anche tra i lavoratori dei settori agricoli e zootecnici, con implementazione dell’attività di categoria, consulenza ed assistenza contrattuale.

Diversi i punti chiave contenuti nella risoluzione finale, approvata all’unanimità in chiusura di Congresso:

  • pieno riconoscimento del lavoro svolto negli ultimi cinque anni per il rilancio del settore, con un impegno costante a portare proposte e rivendicazioni ai tavoli di confronto;
  • rinnovo del Contratto integrativo regionale di lavoro, fondamentale per i diritti dei lavoratori e per la loro sicurezza economica;
  • sempre maggiore attenzione anche verso il comparto agricolo/zootecnico, con focus sulla frammentazione contrattuale e aziendale tipica del settore e sullo sviluppo economico e strutturale delle relative filiere agricole;
  • costante impegno nella difesa della dignità lavorativa ed economica, della qualità della vita e della sicurezza sui luoghi di lavoro di tutti i lavoratori del settore;
  • riconoscimento del grande lavoro svolto anche in favore degli iscritti e dei dipendenti dell’Institut Agricole Régional e dell’Agenzia regionale Area VdA, con l’approvazione di importanti rinnovi contrattuali ed accordi aziendali.
Il direttivo del Savt/Agricoli-Forestali
Il direttivo del Savt/Agricoli-Forestali

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito è protetto da reCAPTCHA e da Googlepolitica sulla riservatezza ETermini di servizio fare domanda a.

The reCAPTCHA verification period has expired. Please reload the page.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte