Società di Domenico Albiero |

Ultima modifica: 28 Maggio 2010 0:00

Disservizi ferroviari, i pendolari “imbufaliti” si rivolgono al giudice di pace

Aosta - La Federconsumatori supporta il Comitato dei pendolari fornendo assistenza legale per ricorrere al giudice di pace. Illustrati i risultati di un questionario tra gli utenti, che reputano insufficiente la tratta per puntualità, pulizia e sicurezza.

Una delle foto pubblicate sul gruppo di Facebook

"Vogliamo dare una valvola di sfogo legale ai tanti utenti della tratta ferroviaria Aosta – Torino insoddisfatti e imbufaliti": Bruno Albertinelli, presidente della Federconsumatori della Valle d'Aosta, annuncia che verrà depositato entro luglio un ricorso al giudice di pace per i disservizi di Trenitalia sulla tratta valdostana, da parte di singoli utenti aderenti al "Comitato valdostano dei pendolari della tratta ferroviaria Aosta-Torino", la cui referente è Francesca Melagrana: gli aderenti sono una novantina, e sei di questi sono intenzionati ad adire il giudice di pace.

Il comitato ha distribuito in duecento copie, tra i pendolari valdostani, un questionario con otto domande che, seppur compilato soltanto da 110 persone, fornisce un quadro chiaro: la quasi totalità degli interpellati si dice insoddisfatto della pulizia delle carrozze e della puntualità delle corse, sicuramente l'aspetto che più crea grattacapi ai tanti lavoratori che utilizzano quotidianamente il treno. Vengono reputate insufficienti anche le informazioni in caso di disservizi e la climatizzazione delle carrozze, oltre alla sicurezza di un treno che "spesso viaggia con le porte aperte".

"Le continue riunioni – spiega la Melagrana – estese anche all'Associazione dei pendolari legalmente riconosciuta, con Trenitalia e con l'Assessore Marguerettaz non hanno portato ad alcun risultato, ed è quindi nostra intenzione proseguire per far valere i nostri diritti. Apprezziamo la lettera inviata dall'Assessore a Trenitalia, ma vogliamo delle risposte concrete". La conciliazione extra-giudiziale, concessa da Trenitalia sulle tratte interregionali, non si applica alla Torino – Aosta, così come la "class action" da parte di Federconsumatori, che però appoggerà con il suo legale Silvia Caveri, i singoli utenti: "Cerchiamo di ottenere i rimborsi che ci spettano – conclude la Melagrana – per le tante ore di lavoro perse e per il disagio psicologico di un servizio inefficiente".

Iscriviti alla nostra newsletter

* indicates required

Non daremo mai i tuoi dati a terzi e ti promettiamo che non ti disturberemo inutilmente e che non ti faremo mai perdere tempo.


Puoi cancellarti in ogni momento da questa lista, cliccando nel link che trovi al fondo di ogni mail che ti inviamo. Per avere tutte le informazioni a proposito della nostra "policy" in termini di privacy, puoi andare sul nostro sito www.aostasera.it

Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing: significa che è lo strumento con cui ti mandiamo le mail. Cliccando qui sotto su "Mi iscrivo", confermi di essere al corrente del fatto che gestiremo le informazioni che ci hai lasciato qui attraverso Mailchimp. Se voi scoprire di più sulla Privacy Policy di Mailchimp, clicca qui

Commenta questo articolo