Due grandi imprese alpinistiche a cavallo tra Cervino e Monte Rosa

Un alpinista, Oliviero Bellinzani, sta compiendo un exploit sportivo degno di nota sulle creste tra Cervino e Monte Rosa. L'uomo, di Orino, in provincia di Varese, è privo di una gamba in seguito ad un incidente. Accompagnato...
Società

Un alpinista, Oliviero Bellinzani, sta compiendo un exploit sportivo degno di nota sulle creste tra Cervino e Monte Rosa.
L’uomo, di Orino, in provincia di Varese, è privo di una gamba in seguito ad un incidente. Accompagnato dalla guida alpina Lucio Trucco, di Cervinia, e con l’ausilio di due speciali stampelle con un rampone alla base, l’alpinista in una sola mattinata ha raggiunto due vette sopra i 4.000 metri, il Polluce (4.091 metri) e il Castore (4.221 metri), e nei prossimi giorni punta a completare la traversata passando dalla capanna Hornli e salendo sulla vetta del Cervino.

Bellinzani fa parte della spedizione ‘Linking together’, alla quale partecipano anche Massimo Magnocavallo e la guida Giorgio Tessari, che si è resa protagonista di altre scalate sui 4000 valdostani all’inizio di luglio.

Un’altra impresa notevole è stata compiuta invece dallo svizzero Lukas Stockli, che ha raggiunto i 4.165 metri della vetta del Breithorn occidentale, tra Cervino e Monte Rosa, alla guida di una mountain bike attrezzata con pneumatici chiodati e un pignone speciale.
La singolare iniziativa, mai realizzata in precedenza su un ghiacciaio alpino, fa parte del progetto ‘Gipflesturmer’, ovvero attacco alla vetta, che prevede un tour sulle Alpi su mulattiere e sentieri, da Montreux a Lugano.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Società
Società