E’ scontro a Nus sul bilancio previsionale, in aumento Tarsu e Ici

Un bilancio previsionale 2007-2009 in chiaroscuro per il Comune di Nus. Aumentano infatti le tasse a carico della cittadinanza: la Tarsu, tassa sui rifiuti solidi urbani, è aumentata del 20%, in accordo con quanto imposto...
Società

Un bilancio previsionale 2007-2009 in chiaroscuro per il Comune di Nus.
Aumentano infatti le tasse a carico della cittadinanza: la Tarsu, tassa sui rifiuti solidi urbani, è aumentata del 20%, in accordo con quanto imposto dal rispetto del decreto Ronchi.
In aumento anche l’Ici, imposta comunale sugli immobili, passata dal 4 al 5 per mille.

?Non sono certamente state prese decisioni a cuor leggero su alcuni aumenti, ma non è stato possibile gestire il bilancio diversamente? ha commentato il sindaco Gian Marco Grange. ?Abbiamo un programma elettorale da rispettare – ha continuato il primo cittadino – per il quale l’elettore ci ha dato la sua preferenza, perciò abbiamo dovuto fare il fuoco con la legna che avevano in cascina, costretti a prevedere azioni anche impopolari?.

Dura la reazione della minoranza consiliare, che ha votato contro il documento programmatico.
?Credo che, francamente, questo sia il peggiore bilancio di previsione che io abbia visto negli ultimi trent’anni, da quando sono entrato a far parte del Consiglio? ha affermato senza mezze misure il capogruppo Silvio Trione.
In particolare, il consigliere ha sottolineato il rapporto esistente tra le spese correnti, pari all’80% del totale, e a quelle destinate agli investimenti, pari al 20% e ha evidenziato un aumento dei prelievi fiscali ?che non ha riscontri nella storia del nostro comune?.

Al momento dell’approvazione, da parte del consiglio comunale, del bilancio previsionale, sono stati resi noti gli investimenti futuri dell’amministrazione. In particolare, 30 mila euro sono stati destinati ai lavori di realizzazione del planetario di Saint-Barthélemy. Altri capitoli di spesa importanti sono il finanziamento della costruzione del parcheggio nel villaggio di Lignan e del nuovo centro diurno per anziani.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Società