I Parlamentari valdostani hanno presentato il Bilancio di fine legislatura

26 proposte di legge presentate come primi firmatari e 68 come cofirmatari, 14 mozioni e 14 interrogazioni scritte, 19 emendamenti approvati. Sono questi alcuni dati che descrivono l'attività dei parlamentari valdostani negli...
Società

26 proposte di legge presentate come primi firmatari e 68 come cofirmatari, 14 mozioni e 14 interrogazioni scritte, 19 emendamenti approvati.
Sono questi alcuni dati che descrivono l’attività dei parlamentari valdostani negli ultimi cinque anni di legislatura, presentati ieri mattina presso la sala Bim, nel corso di una conferenza stampa.
Tra le proposte di legge presentate quest’anno, l’Onorevole Ivo Collé ha ricordato quella relativa al prepensionamento di genitori di disabili gravi dopo 20 anni di lavoro.
?La questione – ha detto l’On. Collé – ci è stata posta da alcune associazioni locali e grazie alla trasversalità di firme raccolte, speriamo che nella prossima legislatura la proposta possa essere discussa?.
Presentando poi il disegno di legge per la riduzione dell’Iva dal 10 al 4%, gravante sulle prestazioni turistiche e sulla somministazione di alimenti e bevande, Collé ha poi sottolineato come ? non capiamo perché laddove ci possa essere un beneficio nell’adeguamento delle norme italiane a quelle di altri paesi dell’Ue non si faccia?.
Tra le questioni che rimangono ancora aperte, l’Onorevole ha poi ricordato, i trasporti, la questione del rappresentante valdostano al parlamento dell’Ue, le Case da gioco e la Casa Circondariale di Aosta, ?che soffre tuttora di carenze nell’organico amministrativo e di continui cambi di direttore?.
Nel tracciare un bilancio degli ultimi cinque anni il Senatore Rollandin ha parlato di ?piena collaborazione e stretto contatto con le Istituzioni, con la Regione, con i Comuni, con le parti sociali ed economiche.? ?Il lavoro di questi anni – ha ricordato il Senatore – non è stato semplice, siamo stati più volte impegnati in discussioni riguardanti l’autonomia della Valle d’Aosta.?.
Parlando della riforma elettorale, Rollandin ha poi criticato il metodo con il quale la legge è stata fatta passare mentre sul contenuto, il Senatore ha sottolineato come ?rispetto alla riforma del 2001, questa crei confusione nelle competenze fra Stato e Regioni.
Fra i disegni di legge che hanno visto impegnato il Senatore nell’ultimo anno, ne sono stati ricordati due, ?con ingrosso impatto a livello locale?: uno sulle adozioni internazionali e l’altro su quelle aperte.
Negativo il giudizio di entrambi i parlamentari sul governo Berlusconi, impegnato hanno ricordato ?soprattutto nei primi due anni, a confezionare leggi che poco avevano a che fare con il Paese ma che riguardavano persone fisiche ben distinte.?

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Società