Il Colle del Gran San Bernardo al centro del confronto su montagna e solidarietà

Organizzato dalla Regione Valle d’Aosta, dal CSV e dal Segretariato sociale della RAI, con il patrocinio del Senato della Repubblica, il convegno internazionale è stata inserito nell'ambito delle iniziative per l'Anno europeo del Volontariato.
Montagne e solidarietà
Società

"La crisi economica che sta attraversando l’Italia ma anche la Valle d’Aosta è innegabile e riconosciuta da tutti. Ma non è solo un momento difficile per l’economia, quello che stiamo vivendo è anche un periodo di crisi di valori, di rapporti, di capacità di rapportarsi. Ecco perché la solidarietà potrebbe rappresentare da una parte un modo di cambiare e di guiardare alla realtà". Così il senatore Antonio Fosson ha delineato l’idea di fondo alla base della quinta edizione del convegno "Montagna e solidarietà: il ruolo del volontariato nell’Europa in crisi" che si è svolto al Colle del Gran San Bernardo sabato 25 giugno scorso.

Organizzato dalla Regione Valle d’Aosta, dal CSV della Valle d’Aosta e dal Segretariato sociale della RAI, con il patrocinio del Senato della Repubblica, il convegno internazionale è stata inserito nell’ambito delle iniziative per l’Anno europeo del Volontariato. L’edizione 2011, oltre che per alcuni contributi e riflessioni di relatori e rappresentati politici, tra cui Stefano Zamagni, presidente dell’Agenzia per le Onlus e l’europarlamentare Mario Mauro, sarà ricordata anche per i premi ed i riconoscimenti arrivati all’iniziativa da diverse autorità ed istituzioni.

Innanzitutto il Premio San Bernardo 2011 è andato alla memoria del dott. Pietro Bassi, un medico di montagna dalle grandi doti umanitarie che "per anni, ha portato aiuto e conforto a quanti avevano necessità di soccorso e cure". A ricevere la targa della Regione Valle d’Aosta  dalle mani del Presidente Augusto Rollandin,la moglie Candida Sclerandi Bassi.

Una  Medaglia di rappresentanza quale riconoscimento ufficiale dell’iniziativa è stata conferita al convegno dal Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. Per volere degli organizzatori è stata consegnata al Prevosto dell’Ospizio del Gran San Bernardo, Jean-Marie Lovey, per l’impegno e la tradizione della solidarietà alpina di cui l’Ospizio è testimonianza emblematica da oltre mille anni. "C’est évident – ha commentato il prevosto –  que la reconnaissance elle va non pas à une seule personne, mais à cette chaîne de confrères que depuis mille ans travaillent bénévolement dans ce lieux à recevoir et accueillir les hommes".

Al termine dei lavori, in modo un po’ inaspettato è arrivato anche un riconoscimento all’amministrazione regionale da parte del Presidente del Senato Renato Schifani, che, in un messaggio di saluto, ha definito encomiabile l’attivita’ che tutte le organizzazioni di volontariato di montagna portano avanti quotidianamente dedicandosi con spirito di sacrificio e dedizione alle persone in difficoltà. Il cerimoniale si è chiuso, quindi, con la consegna della Medaglia del Senato al Presidente Augusto Rollandin.

 

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Società
Società

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte