Il Ministro Bianchi: reperiremo fondi nella Finanziaria per la ferrovia in Valle d’Aosta

Quale sarà il futuro della linea ferroviaria regionale? Qualche spiraglio di avere una linea più moderna e collegata alla rete nazionale arriva dall'incontro che i parlamentari valdostani Roberto Nicco e Carlo Perrin hanno avuto ieri...
Società

Quale sarà il futuro della linea ferroviaria regionale? Qualche spiraglio di avere una linea più moderna e collegata alla rete nazionale arriva dall’incontro che i parlamentari valdostani Roberto Nicco e Carlo Perrin hanno avuto ieri con il Ministro ai Trasporti Alessandro Bianchi il quale si sarebbe impegnato a reperire i fondi necessari per l’ammodernamento nella Finanziaria 2007, oltre a fare visita in Valle per incontrare amministratori ed utenti della ferrovia.
L’ammodernamento della linea ferroviaria che collega la Valle d’Aosta alla rete nazionale ed internazionale – ha sottolinea Nicco – è uno dei punti fondamentali dell’accordo siglato tra i parlamentari valdostani e Romano Prodi per il sostegno del Governo“.
Il quadro e le condizioni della linea ferroviaria regionale sono stati oggetto più volte degli incontri tra i parlamentari valdostani con i rappresentanti del Governo italiano. Un problema che è ormai diventato una piaga che va avanti da anni nella nostra regione, con ricadute e disservizi soprattutto sui pendolari, lavoratori e studenti.
?Il Ministro Bianchi ha sollecitato i nuovi vertici di Ferrovie dello Stato a dare concreta attuazione agli interventi previsti dallo studio di fattibilità per l’adeguamento ed il miglioramento della linea – ha commentato Roberto Nicco – che richiede interventi sostanziali di miglioramento del tracciato, specie nel tratto Verrés-Châtillon, dell’adeguamento di curve, dell’ottimizzazione della geometria del binario, di varianti in territorio canavesano e del superamento del nodo di Chiasso“.
L’impegno del Ministro – commenta il senatore Carlo Perrin è la dimostrazione che si rispetta l’accordo preso in campagna elettorale“.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Società
Società