Il numero degli stranieri residenti in Valle d’Aosta è triplicato negli ultimi 10 anni

Secondo il report presentato questo pomeriggio da Regione e Istat, riguardante le principali caratteristiche demografiche della popolazione valdostana rilevate dal censimento nel 2011, gli stranieri sono passati da 2.630 (dato del 2001) a 8.419 unità.
Presentazione Censimento Istat
Società

Nell’arco dell’ultimo decennio la popolazione straniera residente in Valle d’Aosta è più che triplicata, passando da 2.630 a 8.419 unità. Il dato è uno dei più rilevanti tra quelli contenuti in un report presentato questo pomeriggio dalla Regione e dall’Istat e riguardanti le principali caratteristiche demografiche della popolazione valdostana, rilevate dal censimento nazionale del 2011.

La popolazione residente in Valle d’Aosta, al 9 ottobre 2011, ammonta quindi a 126.806 unità. “Rispetto al 2001, quando si contarono 119.548 residenti – si legge nel report – l’incremento è del 6,1%, da attribuire in larga misura alla componente straniera. Infatti, nel decennio intercensuario la popolazione della Valle d’Aosta di cittadinanza italiana è aumentata di 1.469 individui (+1,3%) mentre quella straniera è più che triplicata, spiegando pertanto circa l’80% della crescita demografica complessiva”. I cittadini italiani aumentano nella maggior parte dei Comuni della Valle d’Aosta (43 su 74) e diminuiscono negli altri, in particolare nel capoluogo Aosta.

Un incremento di pari entità si registra anche nell’incidenza degli stranieri sul totale della popolazione residente, che sale da 2,2% al 6,64%.I cinque comuni demograficamente più grandi (Aosta, Châtillon, Sarre, Saint-Vincent e Pont-Saint-Martin) concentrano poco meno della metà dei cittadini stranieri (47,3%) ma, in termini relativi, il loro peso è rilevante anche in comuni di piccole dimensioni. Avise, Verrès, Villeneuve, Ayas e Gignod sono i comuni dove la quota  è maggiore, con valori compresi tra 96 e 129 stranieri per mille censiti, mentre quelli per i quali si osserva un’incidenza minima, pari o inferiore a 20 stranieri per mille censiti, sono Gaby, Lillianes, Pontboset, Champorcher e Rhêmes-Saint-Georges. La componente femminile rappresenta il 56,2% del totale, valore che sale al 58,2% nel Comune di Aosta.

L’età media degli stranieri residenti è di 31,5 anni. Il 46% di essi ha un’età compresa tra 25 e 44 anni, il 22,4% ha meno di 18 anni mentre gli ultra 65enni rappresentano soltanto il 2,5% del totale. La componente maschile risulta più giovane (29,7 anni) di quella femminile (32,8 anni).  

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Società
Società