Il secondo Master dedicato allo sviluppo del turismo di montagna

Sta per partire la seconda edizione di un percorso formativo interdisciplinare, incentrato sulle sfide particolari poste dalla montagna in ambito turistico ed economico. Il Master universitario in Economia e Management del Turismo di...
Società

Sta per partire la seconda edizione di un percorso formativo interdisciplinare, incentrato sulle sfide particolari poste dalla montagna in ambito turistico ed economico. Il Master universitario in Economia e Management del Turismo di Montagna , è stato presentato questa mattina agli organi di informazione.

Erano presenti, oltre al rettore dell?Università della Valle d?Aosta, Pietro Passerin d?Entrèves, i direttori del Master, i docenti Federico Visconti e Luigi Gaido, il presidente della Regione e del Consiglio universitario Luciano Caveri, l?assessore al turismo Ennio Pastoret e l?assessore all?istruzione Laurent Viérin.

Il corso propone un programma di formazione che permette di acquisire varie competenze e di cominciare a sperimentarle direttamente sul campo, anche con il contributo di docenti svizzeri e francesi. Secondo il docente Federico Visconti, infatti, il territorio valdostano rappresenta ?un?ideale palestra naturale, un contesto favorevole allo sviluppo un?imprenditorialità legata al turismo in montagna?.

Si tratta di un corso professionalizzante, che prenderà il via a ottobre e si concluderà nel luglio del 2007. L?obiettivo è la creazione di figure altamente qualificate, che possano arricchire il panorama professionale del settore turistico, accelerando lo sviluppo eco-compatibile delle aree di montagna.
Per questo motivo il Master approfondisce i vari aspetti relativi all?economia del turismo, al management e al marketing territoriale, alla gestione delle aziende turistiche e al legame tra queste e il territorio. Non mancano, all?interno del percorso didattico, laboratori pratici, seminari e stage da svolgere presso aziende ed enti nazionali e internazionali.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati