In restauro il Cristo delle Vette. Ma l’anno prossimo tornerà in vetta al Balmenhorn

Il Cristo delle Vette, la statua realizzata dallo scultore torinese Alfredo Bai, che domina il Monte Rosa sul Balmenhorn a 4.170 metri di quota, sarà sottoposta a opere di restauro. A realizzare gli interventi...
Società

Il Cristo delle Vette, la statua realizzata dallo scultore torinese Alfredo Bai, che domina il Monte Rosa sul Balmenhorn a 4.170 metri di quota, sarà sottoposta a opere di restauro.
A realizzare gli interventi saranno la Sovrintendenza dei Beni culturali con la fonderia Verrès Spa, l’Assessorato alla Cultura in collaborazione con la presidenza del Consiglio regionale. Il corpo del Cristo delle Vette nei scorsi giorni è stato trasportato a valle da un elicottero, mentre la testa ha raggiunto il rifugio Mantova a piedi grazie ad un gruppo di guide. Da qui il prossimo nove settembre partirà, infatti, la processione che farà arrivare il capo del Cristo a Gressoney-La-Trinité. ?A condurre l’operazione – spiega il presidente del Consiglio Valle, Ego Perron – saranno le Guide alpine accompagnate da alcuni degli alpini che 52 anni furono protagonisti di quell’evento?.
?Le condizioni non erano preoccupanti – sottolinea l’assessore alla Cultura Laurent Viérin – ma più di 50 anni di esposizione alle intemperie rischiavano di deteriorare i punti deboli?. L’assessore Viérin ipotizza un ritorno in vetta per la prossima primavera ?magari dopo una mostra a Gressoney o ad Aosta?.

Alta 4 metri e del peso di sei quintali, per comporre la statua, fusa in bronzo in un forno costruito appositamente, richiese all’epoca un lavoro di quasi 5 mesi. A portare l’opera a quota 4170 metri furono gli alpini della Scuola militare alpina di Aosta. Un percorso davvero avventuroso: prima sulla barca a remi per attraversare il lago Gabiet, poi a dorso di mulo fino alla capanna Linty. Da lì i militari hanno proseguito a piedi fino alle vetta del Balmenhorn. Una fatica enorme iniziata a Gressoney il primo agosto 1955 e conclusa il 12 agosto, anche se l’inaugurazione ufficiale fu il 4 settembre successivo.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Società
Società