Inchiesta ritiri: Maccari? ho consegnato una tangente di 1500 euro a Lavoyer?

Paolo Maccari, ex capo ufficio stampa della Giunta regionale, che ha già patteggiato un anno e due mesi per corruzione, truffa aggravata e tentata concussione, ieri in audizione davanti al Tribunale di Aosta, ha ribadito le...
Società

Paolo Maccari, ex capo ufficio stampa della Giunta regionale, che ha già patteggiato un anno e due mesi per corruzione, truffa aggravata e tentata concussione, ieri in audizione davanti al Tribunale di Aosta, ha ribadito le accuse nei confronti dell’ex assessore al Turismo, Claudio Lavoyer, confermando di avergli consegnato una tangente di 1.500 euro.
?Mi aveva chiesto un aiuto finanziario per il Valle d’Aosta calcio, di cui era dirigente” ha spiegato ai giudici Paolo Maccari, aggiungendo che Lavoyer ?mi aveva garantito la disponibilità a supportare con il suo assessorato qualsiasi iniziativa volessi fare. E poi mi offrì il suo appoggio per il dopo elezioni. Gli consegnai i soldi in sala Giunta, prima della conferenza stampa settimanale del presidente della Regione”. Proprio sulla consegna della ?mazzetta? è intervenuto Claudio Soro l’avvocato difensore dell’ex assessore al Turismo. Maccari, infatti, aveva detto precedentemente di aver consegnato il denaro a Lavoyer in un parcheggio in piazza Narbonne. ha poi cambiato versione affermando che quel denaro glielo aveva consegnato prima di una riunione in sala Giunta.
“Mi sono confuso ma ho subito corretto la mia dichiarazione al pm”, ha replicato Maccari.
Rispetto ai rapporti con Adriano Costa, collaboratore della Juventus, l’ex capo ufficio stampa ha affermato di non avergli mai chiesto soldi. Maccari ha poi aggiunto, relativamente alle ospitalità offerte dall’assessorato al Turismo , “di aver scoperto, in seguito a segnalazioni, fatture di comodo per mascherare soggiorni non di giornalisti, come il capitolo prevedeva, ma di politici o altri personaggi. Fatture che venivano fatte modificare per poter essere pagate su richiesta agli albergatori della sua ex segretaria, Patrizia Carradore”.
Il processo è stato aggiornato al 14 marzo 2007 per l’audizione degli ultimi testimoni. Il 28 marzo saranno ascoltate le dichiarazioni degli imputati e il 9 maggio è previsto l’inizio della requisitoria del pm Pasquale Longarina. Nelle prossime udienze saranno ascoltati così Claudio Lavoyer, (accusato di corruzione, peculato, truffa aggravata e abuso d’ufficio); la sua ex segretaria particolare Patrizia Carradore e ora vice presidente del Consiglio comunale di Aosta (peculato e truffa aggravata); l’ex presidente della Giunta regionale Dino Vierin (rifiuto di atti d’ufficio, omessa denuncia di reato da parte di pubblico ufficiale e favoreggiamento), e la sua ex segretaria particolare, Adriana Vierin, ora consigliere regionale (rifiuto di atti d’ufficio, omessa denuncia di reato da parte di pubblico ufficiale e favoreggiamento).

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Società
Società