Jambon de Bosses protagonista di “Il re è crudo”

Il 27 e 29 dicembre 2009 e il 3 e 5 gennaio 2010 a Saint-Rhémy en Bosses il prosciutto della Valle del Grande si scopre nella manifestazione culinaria “Il re è crudo”, promossa dal Comitato per la Promozione e la Valorizzazione Jambon de Bosses
Il Re è crudo
Società

Il ginepro, il timo e le erbe della valle gli regalano un profumo delicato e aromatico. Il fieno, che ne accompagna la stagionatura, aggiunge una fragranza inconfondibile. Di chi stiamo parlando? Del Jambon de Bosses, il prosciutto crudo prodotto soltanto nella piccola comunità di Saint-Rhémy-en-Bosses secondo un’antica tradizione, che torna protagonista assoluto il 27 e 29 dicembre 2009 e il 3 e 5 gennaio 2010 in occasione della manifestazione culinaria “Il re è crudo”, promossa dal Comitato per la Promozione e la Valorizzazione del Vallée d’Aoste Jambon de Bosses D.O.P.

La rassegna si svolgerà nell’antico castello di Bosses e cercherà di adulare i palati dei partecipanti con un prodotto unico nel suo genere: il prosciutto di Bosses, le cui prime testimonianze risalgono al XIV sec. Lo Jambon è una prelibatezza gastronomica e gli abitanti della Valle lo celebrano solitamente nella sagra omonima che si svolge la seconda domenica di luglio. L’appuntamento invernale regalerà altre suggestioni legate ai panorami invernali che faranno da cornice. Esperti del settore condurranno i commensali nella degustazione del prosciutto della Vallata del Gran San Bernardo, per imparare a riconoscerlo ed apprezzarlo. Chi non potrà partecipare all’evento, poiché i posti sono pochi, avrà occasione di scoprire questo pregiato prosciutto la sera del 3 gennaio 2010 presso la Prosciutteria de Bosses, dove, dalle ore 19.30, sarà allestita una cena-degustazione accompagnata da musica e canti tradizionali.

Per Info:
Comitato per la Promozione e la Valorizzazione  del Vallée d’Aoste Jambon de Bosses D.O.P., 0165780821-  A.I.A.T. Gran San Bernardo, 016578559;

 

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Società
Società

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte