La nuova coordinatrice del CSV sarà Eleonora Rocco

Scelta dopo una selezione pubblica, Eleonora Rocco succederà, dal il 1° febbraio 2024, ad Elda Tonso che ha rivestito il ruolo di coordinatrice per tre anni.
Eleonora Rocco coordinatrice CSV
Società

Dal 1° febbraio 2024 il CSV VDA avrà una nuova coordinatrice. Si tratta di Eleonora Rocco, scelta al termine di una selezione pubblica che ha visto la partecipazione di quattordici candidati idonei, che prenderà il posto di Elda Tonso, coordinatrice negli ultimi tre anni.

Eleonora Rocco è laureata in Scienze forestali e ambientali ed in possesso di un Dottorato di Ricerca in Protezione delle piante conseguito presso l’Università degli Studi della Tuscia e dal 2010 ad oggi ha lavorato presso la Fondation Grand Paradis, rivestendo una grande varietà di ruoli. È stata infatti responsabile della gestione dei siti di interesse naturalistico e culturale della Fondation, dello sviluppo delle risorse umane e dell’area comunicazione ed eventi, fornendo inoltre supporto nell’organizzazione del Gran Paradiso Film Festival.

Il 2024 rappresenterà, per il CSV VDA, un anno di profonde trasformazioni non solo da un punto vista logistico – in particolare con lo spostamento nella nuova sede di via Avondo – ma anche per le numerose iniziative in occasione del 25° Anniversario di attività del Sodalizio, insieme a quelle più in generale mirate a rafforzare il mondo del Volontariato regionale – commenta il Presidente del CSV, Claudio Latino. In questo quadro, Eleonora Rocco avrà il compito di coordinare tutto questo e siamo certi che lo farà con grande professionalità ed attenzione. In questa sede mi piace ringraziare la coordinatrice uscente, Elda Tonso, per il grande impegno profuso nel suo mandato.

3 risposte

  1. Se legge il bando, e bisognerebbe farlo prima di muovere qualsiasi critica, vedrà che i criteri di scelta sono diversi, non solo la laurea, ma anche esperienza pregressa in ruoli di coordinamento e altro. Conosco Eleonora personalmente e posso garantire, da persona valida quale è, che saprà ricoprire il ruolo ottimamente

  2. Ma che ci azzecca una laureata in scienze forestali e ambientali, nonché dottorata in protezione delle piante, con il ruolo che andrà a ricoprire? Bah, misteri tutti valdostani…

    1. Io non so di preciso cosa Eleonora abbia fatto e come l’abbia fatto in questi anni, ma una cosa so: quando studiava e soprattutto quando ha conseguito il dottorato presso quel Dipartimento di ricerca che più volte è stato dichiarato “Dipartimento di eccellenza” (e lo è tuttora) tra tutti i Dipartimenti delle Università italiane, non solo si è fatta notare per la sua professionalità e la sua intelligenza, ma anche per le sue doti umane che hanno lasciato un segno indelebile tra i colleghi che sono rimasti in quel Dipartimento. Lei stessa ha contribuito a far sì che il nostro Dipartimento diventasse “di eccellenza”. Eleonora non ha bisogno di avvocati difensori; al limite, se ce ne fosse bisogno, ha bisogno solo dei nostri migliori auguri per il suo nuovo incarico che ella merita a prescindere da quello che ha studiato e da quello che, chi non la conosce, afferma. In bocca al lupo, Eleonora. Spero di rivederti presto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito è protetto da reCAPTCHA e da Googlepolitica sulla riservatezza ETermini di servizio fare domanda a.

The reCAPTCHA verification period has expired. Please reload the page.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte