La Regione finanza un Experimental Camp a Lucoli

Il progetto preliminare è stato presentato da una delegazione regionale lo scorso venerdì al Consiglio comunale di Lucoli, fortemente danneggiato dagli eventi sismici. L'area polivalente sarà destinata in particolare alla Protezione civile.
Lucoli
Società
Una vasta area polivalente destinata principalmente all'operatività della Protezione civile in caso di calamità naturale sarà finanziata dalla Regione Valle d’Aosta. Il progetto preliminare per la realizzazione del centro polivalente sperimentale in località San Menna, a Lucoli in provincia de l’Aquila è stato infatti presentato venerdì scorso da una delegazione in rappresentanza della Regione e del Celva al Consiglio comunale di Lucoli, fortemente danneggiato dagli eventi sismici. La Regione chiederà, nei prossimi giorni, al Dipartimento della Protezione civile di essere nominata, nella persona del Presidente, Augusto Rollandin, soggetto attuatore dell'intervento, per ciò che concerne l'approvazione del progetto esecutivo e definitivo e l'appalto delle opere.

L'area, precisa una nota della Presidenza della Regione, ospiterà una struttura coperta con funzione di palestra e spazio per attività sportive predisposta per un uso di dormitorio/mensa e come area operativa del distaccamento della Protezione civile. Il centro potrà ospitare tende per oltre 300 posti letto, micro container, cucine da campo e ogni altra attrezzatura utile alla piena e completa operatività del presidio in caso di terremoto. A completare l’opera sarà una rete di sottoservizi: acquedotto, fognatura, reti elettriche e telefoniche, reti del gas, tubazioni per predisposizioni impiantistiche urgenti e occasionali.

La struttura prevede l'installazione di un gruppo elettrogeno e di pannelli solari fotovoltaici che potranno assicurare l'operatività in qualsiasi condizione, scelte energetiche che dovrebbero anche consentire bassi costi di manutenzione della struttura.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte