Società di Nathalie Grange |

Ultima modifica: 3 Dicembre 2020 9:08

Lady colpita due volte: dalle botte del marito e dall’incomprensione delle istituzioni

Aosta - La paura e i moniti della donna sono rimasti inascoltati da chi la doveva proteggere. Fino a quando l’ex marito non ha accoltellato il suo nuovo compagno a Saint-Christophe, sotto la sede dei servizi sociali.

Assessorato Politiche sociali Saint ChristopheAssessorato Politiche sociali Saint Christophe

Quattro denunce, tutte presentate tra agosto 2018 e novembre 2019. Lady, 30 anni, originaria della Colombia, ci ha provato a condividere con le forze dell’ordine, la magistratura, i servizi sociali la sua storia di violenza, a raccontare le botte, le minacce e le angherie subite da lei e dai suoi due figli, un ragazzo disabile di 14 anni e una bimba di 8 anni. Il corpo minuto, la voce esile, l’italiano un po’ approssimativo, ha trovato, nonostante la giovane età e la solitudine, la forza di gridare la sua paura, di spiegare come il padre dei suoi figli fosse un uomo violento, pericoloso. “Mia suocera mi pregava in continuazione di stare zitta, di non denunciare, non voleva che infangassi il nome della famiglia, era preoccupata di proteggere il figlio”. L’uomo, l’ex marito, ha 36 anni. Lady racconta che ha frequenti esplosioni di rabbia, che ha problemi con l’alcol, che fa saltuariamente uso di droghe, che ha già conosciuto il carcere in Colombia dove ha scontato una pena per omicidio.

Alle assistenti sociali di Busto Arsizio, in provincia di Varese, dove ha vissuto fino alla fine del 2019, Lady ripete in continuazione di non sentirsi al sicuro. Ha raccontato delle innumerevoli volte che è stata buttata in strada con i bambini mentre lui era chiuso in casa ubriaco. In uno di questi episodi Lady, aiutata dalla cognata, ha anche chiamato la polizia. “Sono intervenuti subito, gli hanno intimato di farmi entrare e mi hanno invitata a denunciare, non hanno potuto fare d più, in quell’occasione non c’era stata aggressione fisica nei miei confronti, solo uno sputo in faccia alla sorella incinta”. Dopo il licenziamento dell’uomo, dopo la prima denuncia, la convivenza tra i due si trasforma in un incubo: tra insulti, parolacce e discussioni Lady si ritrova il permesso di soggiorno e i vestiti tagliati. L’escalation di violenza in ultimo, coinvolge anche i bambini. “Un pomeriggio, al mio rientro dal lavoro, dopo una discussione mi ha afferrato per i capelli, i bambini si sono scagliati contro di lui per difendermi, la piccola è stata presa a calci”.

E così poche settimane dopo la prima denuncia del 24 agosto 2018 arriva la seconda querela di metà settembre.  Lady va via di casa con i figli, la coppia si separa, lei prova a rifarsi una vita con un nuovo compagno e con nuovo lavoro e, a fine 2019, si trasferisce in Valle d’Aosta. Con forza d’animo Lady ripercorre la sua storia e la racconta anche alle assistenti sociali della Regione che hanno preso in carico il suo caso. Nel frattempo le minacce dell’uomo proseguono. “Quando veniva a prendere i bambini ogni 15 giorni mi insultava, fuori dal tribunale mi ha detto che non sarei arrivata a festeggiare il mio compleanno”. L’uomo non accetta la separazione, non accetta che lei si sia rifatta una vita, diffonde in rete alcune foto intime di Lady. Scatta la terza denuncia. L’oggetto del contendere diventano i figli, l’affido, le visite e la piccola che non vuole più vedere il papà. “Io avevo paura, sapevo che era una persona pericolosa” continua a dire, pressoché inascoltata. “Ma contava sempre di più la sua parola rispetto alla mia”.

Lady aveva ragione. Era in pericolo e come nei più macabri e beffardi disegni della sorte la violenza si è concretizzata davanti agli occhi del sistema che non la voleva vedere. Il 19 ottobre scorso lei e il suo ex marito vengono convocati, in orari e incontri separati, presso la Direzione Politiche sociali di Saint-Christophe. Lady si trova nell’ufficio dell’assistente sociale. “Continuava a dirmi che se non avessi firmato per la ripresa della visite protette di mia figlia con il papà avrebbero dovuto segnalare la mia mancata di collaborazione al giudice” racconta la donna. Lady stava per firmare, stava per stanchezza stava per accettare l’assunto spesso adottato dalle istituzioni per cui un uomo, anche se violento con la moglie, possa comunque essere un buon padre. In quel momento, nel parcheggio dell’assessorato, il suo ex marito stava accoltellando il nuovo compagno di Lady che la aspettava in auto insieme al figlio. L’uomo viene ferito seriamente, trascorre più di un mese in ospedale.  Ora dice: “Sono vivo, è una gran cosa, ma non ero io il bersaglio, lui non poteva sapere che c’ero io ad aspettare Lady, mentre era senza dubbio a conoscenza che ci fosse lei”.

“Di fatti drammatici come questo purtroppo è piena l’Italia: si confonde il conflitto con la violenza” sottolinea Anna Ventriglia, legale della donna nonché Presidente del Centro Donne contro la violenza. “Non a caso, in questi casi si parla di violenza istituzionale”. Una violenza che parte da chi non ha ritenuto necessaria alcuna misura cautelare e che termina con un sistema farraginoso, lento e incapace di dare risposte tempestive. “L’avviso di conclusione delle indagini relativo alle prime denunce di Lady è dei primi di novembre scorso” conclude Ventriglia.

Lady ha fatto la sua parte, ha trovato il coraggio di denunciare il suo aggressore. Ma non è bastato.

Iscriviti alla nostra newsletter

* indicates required

Non daremo mai i tuoi dati a terzi e ti promettiamo che non ti disturberemo inutilmente e che non ti faremo mai perdere tempo.


Puoi cancellarti in ogni momento da questa lista, cliccando nel link che trovi al fondo di ogni mail che ti inviamo. Per avere tutte le informazioni a proposito della nostra "policy" in termini di privacy, puoi andare sul nostro sito www.aostasera.it

Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing: significa che è lo strumento con cui ti mandiamo le mail. Cliccando qui sotto su "Mi iscrivo", confermi di essere al corrente del fatto che gestiremo le informazioni che ci hai lasciato qui attraverso Mailchimp. Se voi scoprire di più sulla Privacy Policy di Mailchimp, clicca qui

2 commenti su “Lady colpita due volte: dalle botte del marito e dall’incomprensione delle istituzioni”

  • Spesso le istituzioni fanno schifo, facendo orecchie da mercante, ed è inaccettabile.
    Ma trovo altrettanto inaccettabile che alcune donne scelgano di convivere con certa gente: uno che aveva già scontato una pena in carcere per omicidio… non venitemi a raccontare che qualsiasi sano di mente possa ipotizzare che possa essere un buon padre… certe volte c’è questo fascino del disperato che fa breccia nei cuori delle donne… e lo trovo inconcepibile!

  • Ciao Marco, scusami ma devo dissentire con te, forse non ti sei accorto leggendo l’articolo che Lady aveva 16 anni quando ha avuto il primo figlio, praticamente una bambina con il suo bagaglio di sogni e speranze per il futuro, magari con la certezza che il suo amore avrebbe potuto cambiare l’uomo che aveva sposato. La violenza NON È MAI GIUSTIFICABILE, per nessuna ragione! Basta dare anoi donne ogni colpa di ciò che ci capita…

Commenta questo articolo