M’illumino di meno, a Morgex poesie a lume di candela

Venerdì 19 febbraio dalle 18.30 alla Tour de l’Archet. La serata si propone di sensibilizzare il pubblico rispetto ai temi della campagna, con la distribuzione a tutti i partecipanti, e in particolare agli studenti, del “decalogo del risparmio energetico
Tour de l'Archet, sede della Fondazione Natalino Sapegno
Società

Poesie e musiche a lume di candela a Morgex. Il comune aderisce anche quest’anno all’iniziativa M’illumino di meno promossa dalla trasmissione radiofonica Caterpillar a favore del risparmio energetico. Venerdì 19 febbraio, in occasione della dodicesima edizione di “M’illumino di meno” dell’iniziativa, la Tour de l’Archet – come molti altri monumenti su tutto il territorio nazionale – non verrà illuminata per rispettare il “silenzio energetico”. Al suo interno invece risuoneranno le note degli allievi dell’Istituzione scolastica Valdigne Mont-Blanc e le parole di celebri poeti ispirati dalla volta celeste: spegnere le luci quando non servono permette infatti di risparmiare energia e contribuisce alla diminuzione dell’inquinamento luminoso, consentendo una migliore osservazione delle stelle.

La serata si propone di sensibilizzare il pubblico rispetto ai temi della campagna, con la distribuzione a tutti i partecipanti, e in particolare agli studenti, del “decalogo del risparmio energetico”: dieci semplici regole, che tutti possiamo facilmente mettere in pratica, per risparmiare energia e risorse economiche.

Sarà anche un piacevole momento di condivisione, a lume di candela, di musiche e poesie: a partire dalla celebre “Mattina” di Giuseppe Ungaretti (“M’illumino / d’immenso”), che ha ispirato il titolo stesso della campagna, ai notturni di Leopardi, introdotti e recitati dal prof. Bruno Germano, Presidente della Fondazione Natalino Sapegno.

Grazie alla collaborazione dei giovani musicisti delle classi seconde ad indirizzo musicale dell’Istituzione scolastica Valdigne Mont-Blanc, diretti dai loro insegnanti, le poesie saranno inframmezzate dalle note di violini, chitarre, flauti e pianoforti.

 

 

 

 

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati