Natura, spiritualità, sana alimentazione e sport al Festival del Buen Vivir

La filosofia del Buen Vivir sbarca in Valle d’Aosta e precisamente ai piedi del Monte Bianco dove dal 14 al 20 luglio un Festival ne celebrerà gli aspetti salienti. Promotrici dell’evento sono due imprenditrici del posto.
Da sx Maria Elena Udali e Daniela Pagliano
Società

Dall’Ecuador a La Thuile. La filosofia del Buen Vivir sbarca in Valle d’Aosta e precisamente ai piedi del Monte Bianco dove dal 14 al 20 luglio un Festival ne celebrerà gli aspetti salienti.  Promotrici dell’evento sono due imprenditrici del posto, Maria Elena Udali e Daniela Pagliano.

“Durante un viaggio in Ecuador ho scoperto questa filosofia, inserita anche nella loro Costituzione, – spiega Maria Elena Udali –  che prevede un maggior rispetto da parte dell’uomo per la natura. Una filosofia che ho amato e che ho pensato potesse essere celebrata a La Thuile”. E’ nato così il Festival, sette giorni all’insegna della natura, dello sport, della spiritualità ma anche della sana alimentazione. “Ci siamo messe innanzitutto alla ricerca – sottolinea ancora Udali – di aziende che potessero parlare in Valle d’Aosta delle proprie scelte di vita consapevoli trasformate in attività imprenditoriali.” France Montagne, La Maison des Anciens Remèdes di Jovencan, il Parc Animalier, la Valgrisa, la Cooperativa Lou Dzeut e l’Azienda Agricola Genuinus saranno quindi i protagonisti del primo appuntamento, una conferenza sul turismo motivazionale, in programma dalle ore 10 di lunedì 14 luglio all’Hotel Chalet Eden.
Il giorno successivo, martedì 15 luglio, arriverà a La Thuile lo chef stellato Simone Salvini, per una lezione di Cucina Naturale Vegetariana. Salvini, cuoco anche dell’Istituto oncologico di Umberto Veronesi, firmerà anche lo speciale menù vegetariano proposto a pranzo e a cena. All’appuntamento è atteso anche il Professor Veronesi. La giornata si chiuderà, dalle ore 20.30 con la proiezione presso la sala manifestazioni di Arlydel  film “Sette anni con gli sciamani siberiani” di Anna Saudin e Costanzo Allione.

Mercoledì la giornata sarà dedicata al benessere del corpo e della mente con lezioni di Yoga e Pilates e in serata alle ore 21, sempre al salone Arly, il concerto, in collaborazione con il Comune, dello Zephyr international Chamber music in concert. Di zootecnia si parlerà invece giovedì con la partecipazione dell’Arev, dell’azienda Valgrisa e della Cooperativa Lo Dzeut. Nel pomeriggio Giuseppina Marguerettaz guiderà i partecipanti in una passeggiata naturale al Colle del Piccolo San Bernardo alla scoperta del giardino botanico Chanousia e delle piante officinali che crescono in loco. La giornata si chiuderà dalle 19.30 al Rifugio Lo Riondet con una cena con degustazione di vini, distillati e cioccolato.
Il venerdì sarà all’insegna dello sport estremo con il battesimo del volo in parapendio e pacchetti promozionali al Parco Avventura di La Thuile. Infine per il weekeend è in programma la versione estiva del gemellaggio con La Rosière che prevede tra l’altro un raduno di Street Longboard.

Il progetto delle due imprenditrici di La Thuile non si ferma però alla sola organizzazione del Festival. “Se La Thuile in inverno è sinonimo di sci – conclude Udali – d’estate si spegne. Abbiamo cosi contattato l’Università della Valle d’Aosta che già collabora con Cervinia perché vorremmo definire un’identità per la località, l’anima di La Thuile”.

Per informazioni sul Festival del Buen Vivir: www.facebook.com/festivalbuenvivir

 

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Società
Società