Nel 2010 l’intera mappatura dei sentieri valdostani in GPS

Il progetto, frutto di accordo siglato tra la Regione e l’azienda, s’inserisce nel quadro del disegno dell’intero territorio italiano pubblicato nel 2010: ogni percorso sarà corredato da foto, video e informazioni sulla cultura locale.
Escursione al Tour du Combin (ph.Aiat Gran San Bernardo)
Società
Dal 2010 sarà disponibile in formato digitale sui GPS dedicati all’outdoor dell’azienda Garmin, specializzata nella navigazione satellitare, la mappatura di quel fitto gomitolo di sentieri proprio della Valle d’Aosta. Il progetto, frutto di accordo siglato tra la Regione e l’azienda, s’inserisce nel quadro del disegno dell’intero territorio italiano pubblicato nel 2010: ogni percorso sarà corredato da foto, video e informazioni sulla cultura locale.
Con l’accordo stipulato con la Regione Valle d’Aosta prosegue il nostro progetto di costruire una cartografia topografica specifica di tutto il territorio italiano” commenta Stefano Viganò, Sales & Marketing Manager di Garmin Italia “e grazie al lavoro dei nostri tecnici, stiamo rafforzando la nostra posizione di azienda leader non solo nei settori tradizionali dell’automotive e della nautica, ma anche nelle discipline outdoor legate all’escursionismo”.
Attività outdoor all’avanguardia tecnica ma anche in piena sicurezza è l’obiettivo con cui Garmin, azienda leader nella tecnologia GPS,  sta sviluppando le cartografie della serie TrekMap. L’impegno previsto dall’accordo è che Garmin tracci ogni singolo percorso attraverso il sistema satellitare: si tratta di migliaia di chilometri fra sentieri di montagna, piste ciclabili, zone ad alto interesse escursionistico.
Basti pensare – si legge in una nota di Garmin – che nella corposa guida che l’azienda metterà a disposizione degli appassionati nei primi mesi del 2010 saranno inserite la Alta Via 1 e la Alta Via 2 che collegano le località alpine di Pont Saint Martin a Courmayeur e la stessa Courmayeur a Champorcher. Inoltre sono previste anche le varianti dei due itinerari, ovvero gli intervallivi 102 (Aosta-Champdepraz) e 105 (Gressoney-Aosta), ma anche i percorsi valdostani del Tour du Mont-Blanc che collega la Valle d’Aosta all’Alta Savoia, del Tour des Combins fra la Val d’Aosta e il Canton Vallese e del Tour du Mont-Rose, tracciato che unisce la regione al Piemonte e alla Svizzera”.
 
A arricchire il progetto saranno, inoltre, contenuti digitali informativi e multimediali quali  foto, filmati e informazioni sulle aree protette, i rifugi alpini, la flora e la fauna locali che saranno utilizzati a commento e completamento dei contenuti tecnici.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Società
Società

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte