“No alla chiamata diretta dei docenti da parte dei dirigenti scolastici”

A ribadire la propria contrarietà sono Savt-École e Snals-Confsal. "Tale proposta  - scrivono i sindacati - non costituisce una novità per l’Organizzazione sindacale dei dirigenti scolastici, poiché essa viene ripetuta all’inizio di ogni anno scolastico."
Entrata della scuola dell'infanzia
Società

No alla chiamata diretta dei docenti. A respingere la proposta emersa nei giorni scorsi dal XIII Congresso dell’Associazione Nazionale Presidi, sono Savt-École e Snals-Confsal.

“Tale proposta  – scrivono i sindacati – non costituisce una novità per l’Organizzazione sindacale dei dirigenti scolastici, poiché essa viene ripetuta all’inizio di ogni anno scolastico.”

Savt-École e Snals-Confsal esprimono “profonda preoccupazione per la pervicacia con la quale essa viene ripresentata ogni anno, ribadiscono il netto rifiuto verso l’ipotesi di attribuire ai dirigenti la facoltà di assumere gli insegnanti in base a criteri che in qualche caso potrebbero determinare pericolose involuzioni per eccesso di discrezionalità”. Da qui l’invito a “Colleghe e Colleghi a sostenere nelle prossime elezioni per il Consiglio Superiore della Pubblica Istruzione candidati che garantiscano – per la propria storia personale e sindacale – l’opposizione certa e permanente a qualsiasi ipotesi di riforma delle procedure di assunzione che preveda non il rispetto di parametri e condizioni certi e uguali per tutti i lavoratori, ma l’aleatorietà delle decisioni di una sola persona”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito è protetto da reCAPTCHA e da Googlepolitica sulla riservatezza ETermini di servizio fare domanda a.

The reCAPTCHA verification period has expired. Please reload the page.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte