Ospedale Parini da “tutto esaurito”, è emergenza posti letto

Notizie di giornata parlano di un Ospedale che ieri sera era al 100% della sua capienza, senza più posti disponibili e con tutte le barelle in Pronto Soccorso occupate. Rubbo: "Stiamo lavorando per incrementare i posti letto, è questa la nostra priorità”.
Ospedale Parini
Società

Se l’inverno ha portato finora buoni flussi turistici in tutta la Regione, il “tutto esaurito” si è però visto all’Ospedale Regionale di Aosta. È emergenza-letti infatti al Parini, per una situazione che va avanti da Capodanno, e che è ancora lungi dall’essere risolta. Notizie di giornata, anzi, parlano di un Ospedale che ieri sera era al 100% della sua capienza, senza più posti disponibili e con tutte le barelle in Pronto Soccorso occupate.

Una concomitanza di eventi, secondo il Direttore generale dell’Usl Igor Rubbo, tra i quali pesa il gran numero di casi di influenza, destinato peraltro a salire: “Il picco – spiega il Direttore – deve ancora arrivare, anche se la situazione è presidiata di continuo e abbiamo appena avuto una riunione per programmare l’aumento dei posti letti”.

Posti letto diminuiti anche per un altro motivo: “Oltre all’influenza – prosegue Rubbo – è in corso di ristrutturazione il reparto di Geriatria, quindi con 8 posti in meno, i cui degenti, quelli non problematici ma solo in osservazione sono stati trasferiti presso la clinica di Saint-Pierre”.

Allarme che, secondo Rubbo, è destinato a durare ancora: “L’idea è che ne avremo ancora per circa una ventina di giorni, purtroppo le concomitanze del momento, a questo si aggiunge anche il maltempo persistente hanno fatto sì che dovessimo adottare anche delle misure drastiche”. Tra le quali alcune “incursioni provvisorie” in Pronto soccorso: “Solo persone in Osservazione Breve Intensiva – spiega ancora il Direttore – perché se c’è necessità di tornare in degenza e spostare qualcuno si liberano posti letto”.

E sul rischio, paventato, che possano saltare alcuni ricoveri programmati, Rubbo spiega che: “Il lato positivo è che sono ripartite anche tutte le sale operatorie, anche se di riflesso anche tutti i letti chirurgici sono occupati. Riguardo i ricoveri programmati, soprattutto quelli chirurgici, l’obiettivo è naturalmente quello di non farli saltare. Proprio per questo stiamo lavorando per incrementare i posti letto, è questa la nostra priorità”.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Società
Sanità

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte