Presentato in Valle il movimento ?La Rosa nel pugno?

La Rosa nel pugno, il nuovo soggetto politico tenuto a battesimo ieri sera al Café nazionale di Aosta da Daniele Capezzone, segretario nazionale dei Radicali, e il deputato dello Sdi Enrico Buemi , vuole essere prima di tutto...
Società

La Rosa nel pugno, il nuovo soggetto politico tenuto a battesimo ieri sera al Café nazionale di Aosta da Daniele Capezzone, segretario nazionale dei Radicali, e il deputato dello Sdi Enrico Buemi , vuole essere prima di tutto un nuovo riferimento per gli elettori e abbracciare coloro che sono rimasti delusi dal governo Berlusconi oltre a coloro che già avevano scelto il Centro sinistra alle scorse elezioni. Sotto questo simbolo si ritrovano radicali, socialisti, liberali e laici e proprio la laicità dello stato rappresenta per il movimento un ideale da portare avanti e messo oggi in discussione.
A delinearne le linee programmatiche generali e gli indirizzi a livello nazionale Daniele Capezzone, secondo il quale il nuovo movimento sarà duraturo perché “Quando in questo paese – ha detto – le forze radicali, laiche e socialiste si sono unite hanno ottenuto eccezionali conquiste civili, dal divorzio all’aborto. Oggi la partita è la stessa: l’obiettivo è condurre insieme battaglie per la laicità dello Stato“.
Dopo aver ricordato di voler stare con il Centro-sinistra anche in Valle d’Aosta, Capezzone ha evidenziato tuttavia l’intenzione di rimanere autonomi e autonomisti. In campo valdostano i referenti del nuovo soggetto politico saranno Flavio Martino (Radicali) e Giancarlo Tomaselli, segretario regionale dello Sdi.
Martino vede nella Rosa nel Pugno un segnale di novità in Regione che porterà istanze che hanno bisogno di essere rappresentate. ?Il termine laico – ha detto – è il punto di congiunzione tra socialisti, radicali e liberali. Fare una battaglia per la laicità dello stato non vuol dire andare contro la religiosità che va rispettata. Laico vuol dire anche essere federalista e autonomista?.
Per l’on. Enrico Buemi si tratta di unire percorsi comuni di battaglie a favore dei cittadini e con una metafora calcistica ha spiegato ?non si tratta di un passaggio laterale tra radicali e socialisti e viceversa, ma è una palla lanciata avanti in favore della modernità?.
?La rosa nel pugno? in Valle d’Aosta si colloca all’interno della Fédération Autonomiste.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Società