Quaranta studenti in Valdigne per l’Atelier “Progettazione ecocompatibile dell’architettura”

Nel mese di giugno 2023 è previsto l’esame finale dell’Atelier a Courmayeur, Skyway, con l’esposizione degli elaborati.
Atelier
Società

Sono una quarantina gli studenti del Politecnico di Torino, Dipartimento di Architettura e Design che stanno prendendo parte in Valdigne all’atelier “Progettazione ecocompatibile dell’architettura”, tenuto dai professori Roberto Dini, Francesca Thiebat, Valentina Serra e Valerio Lo Verso, nell’ambito del corso di laurea magistrale in “Architettura per la sostenibilità”.

L’iniziativa intende approfondire le tematiche legate alla rigenerazione urbana, in accordo con le progettualità condivise con le amministrazioni locali. Le esercitazioni progettuali, nell’ambito dell’anno accademico in corso, hanno come oggetto la riqualificazione di alcune aree e manufatti edilizi siti nei cinque comuni della Valdigne.

“In questa quarta edizione dell’Atelier – evidenzia Roberto Ruffier, presidente dell’Osservatorio sul sistema montagna “Laurent Ferretti” della Fondazione – d’intesa con le amministrazioni comunali abbiamo individuato nuovi siti per le esercitazioni progettuali: il Liceo Linguistico a Courmayeur, la stazione ferroviaria a Morgex, le casermette a Pré-Saint-Didier ed abbiamo confermato gli edifici oggetto di studio nei comuni di La Salle, l’ex colonia estiva, e La Thuile, il villaggio minerario in località Pera Carà. Vogliamo ringraziare le amministrazioni comunali della Valdigne per l’interesse e la disponibilità in tutte le fasi dell’Atelier, dall’individuazione dei siti, ai sopralluoghi, agli incontri con studenti e professori”.

“Gli studenti – segnala Roberto Dini, professore del Politecnico di Torino – saranno impegnati in esercitazioni progettuali per la rigenerazione di alcune aree e manufatti siti nei cinque comuni dell’Unité, attraverso l’insediamento di funzioni e attività che possano essere di incentivo per lo sviluppo sociale ed economico della comunità. Il tema della riqualificazione di edifici e strutture si lega dunque alla possibilità di creare dei luoghi dotati di servizi utili a coloro che vivono e lavorano sul territorio, nell’ottica di migliorarne la reale abitabilità.“

Nei giorni 9-10 marzo 2023 sono previsti, oltre ai sopralluoghi ai cinque siti, incontri presso associazioni, aziende agricole e artigianali del territorio ed un Incontro, presso la Fondazione Courmayeur, con stakeholders ed operatori della Valdigne.

Nel mese di giugno 2023 è previsto l’esame finale dell’Atelier a Courmayeur, Skyway, con l’esposizione degli elaborati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito è protetto da reCAPTCHA e da Googlepolitica sulla riservatezza ETermini di servizio fare domanda a.

The reCAPTCHA verification period has expired. Please reload the page.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte