Razzismo alla partita del PDHAE, Gomis: “Fiero di essere nero, italiano e di Cuneo”

Al termine di PDHAE-Vogherese si scaldano gli animi per alcuni insulti razzisti dalle tribune. Il capitano orange: “Il razzismo è una vergogna e non deve passare per una cosa da stadio”. Il Presidente Perpignano: “Cose mai viste”.
Lys Gomis foto Facebook
Società

Anche nelle serie “minori”, purtroppo il razzismo “da stadio” (ma il razzismo è razzismo sempre, e ovunque) continua a toccare il mondo del calcio. Teatro dell’ennesimo brutto episodio è Montjovet, dove al termine di PDHAE-Vogherese (finita 2-2) è nato un parapiglia in seguito ad insulti razzisti piovuti dagli spalti e diretti in particolare verso Lys Gomis, portiere e capitano degli orange.

L’ex estremo difensore del Torino, espulso, in panchina a causa di un infortunio, e il compagno di squadra Layousse Diallo si sono presentati in tribuna per affrontare l’autore degli insulti, ma la situazione è stata tenuta sotto controllo grazie all’intervento di compagni di squadra, spettatori e carabinieri.

Gomis ha voluto prendere posizione sull’episodio con un post su Facebook: “Sono fiero di esser un negro…” in una società dove “DIRE NEGRO DI MERDA TORNATENE IN GABBIA” allo stadio si può…io lotterò sempre per le discriminazioni e farle passare per una cosa normale non è così…vedere un signore insultare per il colore della pelle un calciatore è una vergogna!!!…io padre di una bimba che è frutto di una unione di due culture quella Italiana e quella senegalese lotterò con tutte le mie forze perché siamo tutti uguali…chi è del sud chi è del nord chi è nero chi è bianco chi è giallo…chi è disabile…il razzismo è una vergogna e non deve passare per una cosa da stadio…oggi a fine partita è stato tutto assurdo…ma io sono fiero di esser nero italiano e di cuneo…non giudico Voghera perché gli imbecilli sono ovunque…si va avanti credo fortemente in questa squadra…ringrazio i miei compagni che si sono stretti a me…”.

Di “assurdità” parla anche Giuseppe Perpignano, presidente del PDHAE: “Sono successe cose mai viste, neanche ai tornei dei bar. È stato tutto assurdo, dai reiterati insulti razzisti alla reazione da parte dei miei giocatori. Prenderò dei provvedimenti nei loro confronti, altro non posso fare”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito è protetto da reCAPTCHA e da Googlepolitica sulla riservatezza ETermini di servizio fare domanda a.

Il periodo di verifica reCAPTCHA è scaduto. Ricaricare la pagina.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte