In primavera i lavori per la nuova rotonda sulla Statale a Sarre

La rotonda di La Grenade consentirà l'accesso in sicurezza alla Statale tra Sarre e Aosta. Passi avanti dovrebbero essere stati fatti anche per la variante della Statale 27 a Etroubles.
Rotonda Statale Sarre La Grenade
Società

In primavera dovrebbero iniziare i lavori per la nuova rotonda sulla Strada Statale 26 tra Aosta e Sarre. Lo ha spiegato l’assessore alle opere pubbliche, Carlo Marzi: “Lo scorso 21 febbraio sono stati aggiudicati i lavori di realizzazione della nuova rotatoria in frazione La Grenade nel comune di Sarre con sistemazione della viabilità collegata, per un importo dei lavori pari a 2.648.202,57 euro, con la previsione di avviare il cantiere già nella prossima primavera”. Per il sindaco di Sarre, Massimo Pepellin, “finalmente vede la luce un altro tassello per rendere più sicura la viabilità sulla SS n. 26, un’opera attesa da anni che consentirà l’accesso in sicurezza alla strada statale della zona est di Sarre e lo sviluppo del collegamento con le aree poste a valle della stessa”.

Marzi spiega anche che “è prevista entro l’estate l’ultimazione della rotatoria nel comune di Montjovet, i cui lavori sono stati avviati lo scorso 4 maggio, mentre per quanto riguarda la rotatoria nel comune di Nus, la buona notizia è che ANAS sta procedendo alla fase di riappalto dell’opera con avvio del cantiere previsto entro la prossima estate. Si tratta di importanti passi avanti per il completamento delle rotatorie, di cui si è discusso più volte in Consiglio, su cui la Regione, ANAS e le amministrazioni comunali ripongono grande attenzione per migliorare la messa in sicurezza degli incroci della SS n. 26 con la viabilità regionale e comunale”.

Passi avanti dovrebbero essere stati fatti anche per la variante della Statale 27 a Etroubles: “sono state eseguite le verifiche previste per l’imminente affidamento dei lavori della variante della SS n.27 a Etroubles, cui seguirà il successivo allestimento del cantiere”, spiega ancora l’assessore Marzi. “Possiamo ritenerci soddisfatti in quanto è risultato determinante sia il continuo confronto che abbiamo voluto con ANAS sia il coinvolgimento dei comuni che abbiamo garantito attraverso un tavolo di lavoro congiunto che ha assicurato il puntuale monitoraggio dei tempi della nuova progettazione. Il tavolo di lavoro è risultato utile anche per risolvere alcune problematiche annose, come lo sgombero dei cantieri e il riconoscimento delle giuste compensazioni ambientali ai Comuni di Etroubles e Saint-Oyen, che per anni hanno subito il danno di immagine derivante dal permanere del degrado all’interno delle aree di cantiere”.

In dettaglio, il bando pubblicato da Anas (Gruppo FS Italiane), prevede un importo complessivo di 127,6 milioni di euro, di cui circa 104,4 milioni per lavori e sicurezza e per il Piano di Monitoraggio Ambientale. La parte di intervento da completare concerne lo scavo degli ultimi 800 metri della galleria della lunghezza complessiva di circa 3,8 km e tutta la nuova parte impiantistica, adeguata all’attuale normativa rispetto alla progettazione iniziale.

Una risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito è protetto da reCAPTCHA e da Googlepolitica sulla riservatezza ETermini di servizio fare domanda a.

The reCAPTCHA verification period has expired. Please reload the page.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte