Società di Luca Ventrice |

Ultima modifica: 17 Giugno 2019 14:50

Sanità, l’estate porta la “tegola” dei pediatri: due in meno ad Aosta

Aosta - La carenza, già importante a livello nazionale sarà colmata dai colleghi che si divideranno i bambini da seguire per i mesi di luglio/agosto. Il Commissario Usl Pescarmona: "Soluzione/tampone, a settembre ci sarà ci sarà il pediatra definitivo”.

CamiceCamice

Tra le criticità che accompagnano la Sanità valdostana si tende sempre a pensare all’ospedale e alle strutture pubbliche. A scombinare i piani dei genitori per l’estate è sorto però un problema legato ai pediatri di libera scelta, ovvero gli specialisti che lavorano in convenzione con l’Azienda sanitaria.

Due pediatri in meno su Aosta (Salomone andata in pensione a inizio giugno, Cirillo che nelle prossime settimane si trasferirà), 2.200 bambini da ripartire fra i colleghi rimasti ed il tentativo, da parte dell’Usl, di “stringere i denti” e recuperare il pieno organico a settembre.

Non fa drammi il Commissario Usl Angelo Pescarmona, che spiega l’obiettivo dell’Azienda: “Per queste aree scoperte abbiamo provveduto, per il bimestre luglio/agosto ad assegnare i bambini e ragazzi in carico ai due pediatri agli altri colleghi della zona, mentre a settembre ci sarà poi il pediatra definitivo”.

Decisione che però ha messo sul piede di guerra alcuni genitori.

Nessuna “libera scelta” violata, ma – spiega ancora il Commissario Usl – “una soluzione/tampone, oltretutto in una zona comoda per i pazienti che dovranno cambiare pediatra perché rimane su Aosta”.

La speranza è quella dell’assegnazione a settembre, obbligata da una sostituzione temporanea andata deserta e resa non semplice dalla situazione nazionale. La mancanza di specialisti comincia a farsi sentire anche in Ospedale, dove ai pediatri di libera scelta è stato chiesto di coprire alcuni turni in Pronto soccorso.

“In linea generale – spiega ancora Pescarmona – il problema della carenza di pediatri è da ricercarsi in una cattiva programmazione a livello universitario, dal momento che si specializzano molti meno medici rispetto a quelli che vanno in pensione. La Valle d’Aosta peraltro cerca di sopperire in proprio a questa carenza, anche grazie ad una borsa finanziata con risorse regionali”.

Iscriviti alla nostra newsletter

* indicates required

Non daremo mai i tuoi dati a terzi e ti promettiamo che non ti disturberemo inutilmente e che non ti faremo mai perdere tempo.


Puoi cancellarti in ogni momento da questa lista, cliccando nel link che trovi al fondo di ogni mail che ti inviamo. Per avere tutte le informazioni a proposito della nostra "policy" in termini di privacy, puoi andare sul nostro sito www.aostasera.it

Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing: significa che è lo strumento con cui ti mandiamo le mail. Cliccando qui sotto su "Mi iscrivo", confermi di essere al corrente del fatto che gestiremo le informazioni che ci hai lasciato qui attraverso Mailchimp. Se voi scoprire di più sulla Privacy Policy di Mailchimp, clicca qui

Commenta questo articolo