Sarà in Valle il primo trofeo nazionale di Baskin, il basket ‘integrato’

L’evento si terrà a Courmayeur dal 3 al 5 settembre prossimi. Il baskin è un disciplina sportiva che, prendendo le mosse dal basket, permettere a giovani ‘senza’ e giovani ‘con disabilità’ di giocare insieme nella stessa squadra.
Società

Arriveranno da Pesaro, Fano, Bra, Cremona ed Aosta le squadre che si affronteranno nel primo trofeo nazionale di Baskin, il basket integrato, che si terrà a Courmayeur dal 3 al 5 settembre prossimi.

Il baskin è un disciplina sportiva che, prendendo le mosse dal basket, permettere a giovani ‘senza’ e giovani ‘con disabilità’ di giocare insieme nella stessa squadra. Il baskin, infatti, favorisce la partecipazione attiva di giocatori con qualsiasi tipo di disabilità, fisica o mentale, che consenta il tiro in un canestro.

 

L’apertura ufficiale della manifestazione è prevista sabato 4 settembre alle ore 18 presso il Jardin de l’Ange di Courmayeur in cui arriveranno tutti gli atleti dopo aver sfilato nelle vie centrali del paese, insieme ai ragazzi delle società sportive della Valdigne aderenti al Club des sports di Courmayeur.

Sabato 4 settembre alle ore 10 è previsto anche un workshop dal titolo “Verso la costituzione della Federazione Nazionale Baskin”, momento di riflessione sulla necessità, vista la costante diffusione della disciplina, della costruzione di un Comitato centrale, organo di controllo e organizzativo di tutto il movimento del baskin.

Si tratta di un primo evento in assoluto – ha spiegato Andrea Borney, presidente dell’Aspert – che oltre ad essere un confronto sportivo vuole rappresentare un’occasione per riflettere sulla necessità di uniformare la didattica e i regolamenti affinché vi sia un’unica disciplina”.

Le gare del torneo sono previste sin da venerdì 3 settembre e si terranno tutte al Palazzetto dello sport di Dolonne. Domenica 5 settembre, dopo le finali, alle ore 12.00 si svolgeranno le premiazioni del torneo di Baskin e della festa dello sport degli atleti delle diverse società sportive che si sono messi in particolare luce nel corso dell’ultima stagione sportiva. A seguire il pranzo ufficiale di commiato e un ultimo evento, l’apertura del muro d’arrampicata con le guide alpine e la possibilità per i partecipanti alla festa di cimentarsi nell’arrampicata sportiva.

In precedenza, sempre domenica, alle ore 10 nei pressi del palazzetto dello sport, all’interno dell’annuale festa dello sport di Courmayeur, si svolgerà la terza edizione di Cyclocoeur Valle d’Aosta, una gara amatoriale di Mountain Bike a Coppie, quest’anno con la formula di un percorso di destrezza, aperta a bambini e famigliari delle diverse società sportive del Club des Sports di Courmayeur e a tutti coloro che vogliono aderirvi.

“Coniugare questi tre eventi rappresenta per il nostro paese un bel momento di festa e una opportunità di crescita per i nostri bambini, attraverso lo sport e i valori che può trasmettere, ha affermato Giancarlo Telloli, presidente del Club des sports di Courmayeur – “d’altra parte il collegamento fra sportivi, siano essi “normali” o “diversamente abili” testimonia di una solidarietà sociale della quale si sente oggi sempre più l’esigenza”.

Nel quadro della Festa dello Sport riceverà quest’anno il titolo di “Atleta dell’ Anno” Andrea Tabanelli, che ha partecipato ai Giochi Paralimpici di Vancouver nei ranghi della Nazionale italiana di Curling. Il titolo “Una Vita per lo Sport” sarà assegnato a Livio Stuffer Olimpionico e pluricampione di fondo negli anni ’50.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Società

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte