Sempre più vecchia e con meno residenti: i numeri della Valle d’Aosta nell’ultimo censimento

In soli 8 anni, dal 2011 al 2019, la Valle d’Aosta ha visto una riduzione di 1772 residenti, 619 solo fra il 2018 e il 2019. Spiega l'Istat: "I dati censuari registrano, per la popolazione valdostana la perdita della capacità di crescita per effetto della componente migratoria”.
Aosta Centro
Società

In soli 8 anni, dal 2011 al 2019, la Valle d’Aosta ha visto una riduzione di 1772 residenti, 619 solo fra il 2018 e il 2019. Al 31 dicembre 2018 la popolazione censita in Valle d’Aosta ammonta a 125.653 unità; un anno dopo il censimento ha rilevato nella regione 125.034 residenti. E’ quanto emerge dall’ultimo Censimento permanente della popolazione – il precedente risale al 2011 – nelle due rilevazioni condotte fra il 2018 e 2019.

Tra il 1951 e il 1981 i residenti in Valle d’Aosta sono aumentati di 18.213 unità, con un tasso di incremento medio annuo (+5,9%) in linea con la media nazionale (+5,8%); nei trent’anni successivi il tasso di crescita scende al 4,0%, nella regione e all’1,7 %in Italia. Negli ultimi otto anni, invece, a fronte della sostanziale stazionarietà della popolazione italiana (+0,4%), la popolazione valdostana si riduce di 1.772 unità (-1,8%). Come spiega l’Istat “la perdita della capacità di crescita” va ricondotta alla “componente migratoria”. 

A conoscere una diminuzione del numero di residenti sono 47 comuni su 74. Nei restanti 27, invece, aumentano di poche unità ad eccezione del comune di Quart che passa da 3.872 a 4.045 (+173) e Valtournenche che passa da 2.147 a 2.255 (+108).

Un valdostano su quattro vive nel comune capoluogo (33.916 abitanti). Rhêmes-Notre-Dame è invece il comune più piccolo con 85 abitanti ed è anche quello che ha conosciuto il maggior decremento della popolazione rispetto al 201.

La Valle d’Aosta delineata dall’ultimo censimento Istat è rosa (le donne rappresentano il 63.913 contro il 51,1% degli uomini) ma anche più anziana (l’età media è 46 anni contro i 45,2 dell’Italia). Il progressivo invecchiamento della popolazione avviene in Valle d’Aosta a dei ritmi di poco superiori alla media nazionale. La quota di residenti di 65 anni e più cresce di 2,9 punti percentuali nella regione e di 2,4 in Italia.
Il comune più giovane è Gressoney-La-Trinité, con una età media di 41,6 anni; quello più vecchio è Chamois, dove l’età media è pari a 53,8 anni.

Gli stranieri

Gli stranieri residenti in Valle d’Aosta nel 2019 sono 8.129 unità, 290 in meno rispetto al 2011 (-0,4% in media annua), maggiore fra le donne (0,5% l’anno mentre per i maschi è dello 0,3%).
Le donne sono 4.542, pari al 55,9% degli stranieri residenti nella regione, i maschi 3.585. I cittadini stranieri risultano in crescita in 26 comuni, senza variazioni nei comuni di Nus e Rhêmes-Notre-Dame e in diminuzione nei restanti 46.

L’età media degli stranieri è più bassa di 10,6 anni rispetto a quella degli italiani (36,1 anni contro 46,7 nel 2019).  Anche la popolazione straniera è sottoposta a un processo di invecchiamento, con un aumento  dell’incidenza della popolazione di 50 anni e più, che passa dal 13,4% del 2011 al 21,6% del 2019.

Nel 2019, più della metà (55%) degli stranieri residenti in Valle d’Aosta proviene dall’Europa, il 29,4% è originario di un paese africano mentre i cittadini di Asia e America rappresentano, rispettivamente, il 7,9% e il 7,6% del totale. I cittadini rumeni sono il 29% del totale degli stranieri residenti e costituiscono la comunità straniera più numerosa, seguiti dai marocchini (19%) ed albanesi (8,5%).

L’istruzione

Tra il 2011 e il 2019 il livello dell’istruzione nella regione Valle d’Aosta è migliorato, in linea con quanto si registra a livello nazionale.
La quota di analfabeti è rimasta pressoché costante con valori minimi (0,4%) e la percentuale degli alfabeti privi di titolo di studio passa dal 3,3% al 3,0%.

Al 31 dicembre 2019, tra i 116.117 valdostani di 9 anni e più, il 34,6% ha un diploma di scuola secondaria di secondo grado o di qualifica professionale , il 16,0% la licenza elementare e il 32,8% la licenza di scuola media. Le persone con un titolo terziario e superiore sono il 13,1%: il 4,1% ha conseguito un titolo di primo livello, l’8,8% uno di secondo. I dottori di ricerca residenti in Valle d’Aosta sono 317, pari allo 0,3%.

La quota di analfabeti è rimasta pressoché costante con valori minimi (0,4%) e la percentuale degli alfabeti privi di titolo di studio passa dal 3,3% al 3,0%. Calano la quota di persone con la sola licenza elementare (dal 21,6% al 16%) e quella di persone con la licenza media (dal 34,3% al 32,8%). Cresce, invece, l’incidenza dei titoli di studio più alti e non obbligatori.
Infatti, i residenti valdostani che hanno conseguito un diploma di scuola secondaria di secondo grado o di qualifica professionale passano dal 29,5% al 34,6%, quelli con un titolo universitario e superiore dal 10,8% al 13,1%. I possessori di un titolo terziario di primo livello salgono dal 2,9% al 4,1%, i residenti con un titolo terziario di secondo livello dal 7,7% all’8,8%. Si tratta di variazioni rilevanti anche in termini assoluti sia per i diplomati (6 mila in più, +17,5%) che per i laureati di primo livello (da 3.323 a 4.742 unità, +4,1%) e di secondo livello (da 8.942 a 10.168 unità, +8,8%). Cresce anche il numero dei dottori di ricerca (+17,0%).

L’occupazione

Al 31 dicembre 2019, le forze di lavoro sono 60.224, 407 in meno rispetto al 2011 (-0,7%). Il decremento delle persone attive sul mercato del lavoro è dovuto alla diminuzione degli occupati (-3,5%), soprattutto fra gli uomini (-6,3%). In aumento, invece, il numero delle persone in cerca di una occupazione: nel 2019 sono 4.832, 1.608 in più rispetto al precedente censimento (+49,9%). Tra le non forze di lavoro si contano 26.995 percettori di pensioni da lavoro o di rendite da capitali (-7,5% rispetto al 2011), 7.298 persone dedite alla cura della casa (-8,5%), 8.131 mila studenti (+19,2%) e 6.302 persone in altra condizione (+41,1%).

Il tasso di attività scende al 55,3% (1,3 punti in meno rispetto al 2011), ma si mantiene sopra il corrispondente valore dell’Italia (52,5%); gli occupati rappresentano il 50,8% della popolazione di 15 anni e più contro il 45,6% della media nazionale. Sensibilmente più basso è il tasso di disoccupazione (8% Valle d’Aosta e 13,1% Italia). Le differenze sono più marcate per la componente femminile, con un tasso di occupazione (45,8%) di oltre 8 punti più alto della media nazionale e un tasso di disoccupazione (8,9%) inferiore di 6 punti rispetto al corrispondente valore nazionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Società

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte